Vegasred - Problema Risolto-


Recommended Posts

Buongiorno a tutti.

Ho letto con interesse e "terrore" le peripezie di alcuni giocatori non pagati da vegasred.

Sono una giocatrice da strapazzo; mi piace entrare qualche volta e farmi un paio di partitelle.

E' successo anche con vegasred ed ho avuto la fortuna di vincere 1700 euro

volumi di gioco raggiunti

documenti inviati e in risposta accettati

Ma quel che ho letto mi ha messo nel dubbio: mi pagheranno?

Mi par di capire che sono 'stardi.....

io ho versato soldi buoni e soldi buoni vorrei incassare

....... vorrei

Che devo fare per farmi liquidare?

Li sto tartassando ad una email ogni tre ore

di più non so che fare

Ciao a tutti e grazie se vorrete rispondermi

Link to post
Share on other sites

Ciao ben trovata

Purtroppo parli di un casino in cui io vinsi tanti anni fa 100 eur con un bonus no-dep (regolarmente pagato) e poi non ci ho più giocato..
Sicuramente qualcuno saprà darti notizie più fresche.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Se hai rispettato le condizioni del bonus pagheranno. Se è il tuo primo deposito magari ti faranno penare facendo richieste strane (buon segno il fatto che ti abbiano già approvato i documenti) ma alla fine ce la farai. Un consiglio: non accettare proposte di ri-deposito in cambio di bonus nel caso te le facessero.

Tienici informati.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti.

Ieri il dipartimento finanziario mi ha mandato una e-mail con la quale mi comunicano che mi liquidano la vincita. Mi hanno fornito i codici con i quali l'accredito sarà visibile sulla carta e il nome relativo.

Mi auguro che questo sia un segno che effettivamente il pagamento è stato effettuato. Scrivere una e-mail non è ancora vedere i soldini.

Comunque ho almeno in mano qualcosa. Se non arrivano i soldi sulla carta.....beh mi aiuterete?

In fondo ho chiesto il prelevamento il giorno 17 ed il 21 è arrivata la comunicazione, Devo dire però che li ho tempestati di e-mail al ritmo di una ogni tre ore circa. Hanno cercato di "impaperarmi" con le carte di credito, ma io gli ho spedito 100 pagine di normativa sulle prepagate. Loro non sapevano che era il mio lavoro. Speriamo in bene. Non vorrei che la email fosse solo per tenermi buona.....

Ma, Gas, giuro che me li vado a prendere di persona. O che diamine: io ho versato denaro buono, ho vinto e loro pagano.

Eccheca......

Grazie Gas per la risposta

Ma Vegasred è serio?

Buon fine settimana a tutti e a tutti in bocca al lupo

Link to post
Share on other sites

Il Vegas Red non è tra i casinò che AmmazzaCasino consiglia proprio perchè, pur all'interno del loro regolamento, cercano spesso di ritardare/ostacolare pagamenti. Soprattutto ai nuovi giocatori e a chi piace giocare con i bonus. Ma alla fine hanno sempre pagato chi ha tenuto duro, quindi non è nemmeno tra gli sconsigliati.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Sarà anche una pianta velenosa ma.................il mio nick è giuseppec ehehehe.

Baro è il livello raggiunto qui dentro eheheheh.

Vabbeh!!!!!! si vede che da ora in poi ti chiamerò bella pianta velenosa fimmina eheheheh.

P.S. si la conoscevo e,se non sbaglio (e non baro cercando su internet)è la pianta che fiorisce solo di notte.GIUSTO??????

Link to post
Share on other sites

Baroooo,

la belladonna è una pianta velenosa. Ahahahahaahahaha. Lo sapevi?

Infatti, non a caso, è stata chiamata belladonna!!* Gli antichi avevano capito tutto; ed io, nel mio piccolo, sono piuttosto antico..

*(Il suo principale principio attivo, l'atropina, agisce sul sistema nervoso centrale, ed ha, fra le altre cose, la capacità di dilatare la pupilla. Per tale ragione veniva usata dalle madame di una volta, giacché la dilatazione della pupilla lancia un messaggio biologico di richiamo e disponibilità sessuale. Ne sanno davvero una più del diavolo...)

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

vero. L'ho trovato carino come nick. Uno perchè belladonna è comunque un nick che si addice al genere femminile, due perchè noi donne, evviaaa diciamolo, un po' velenose lo siamo. Splendidamente velenose. Scusate la pausa non propriamente trattata in questo forum. Ogni tanto un po' di allegria non guasta. Che ne dite?

Ciao a tutti

Link to post
Share on other sites

Difatti,da quando ho ascoltato per la prima volta il detto:LE DONNE SI PICCHIANO SOLO CON LO STELO DI UN FIORE,ho speso gran parte della mia vita a cercare quale fiore utilizzare e,alla fine,dopo anni l'ho trovato;QUELLO DEI GIRASOLI ALTI TRE METRIIIIIIIIIIII

:hahaha: :hahaha: :hahaha: :ciglia: :ciglia: :ciglia:

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Belladonna chiede: "Che ne dite?"

Io ne dico che l’allegria è come il coraggio di Don Abbondio, chi non ce l’ha di suo non se la può dare; però la può fingere, cosa che comunque porta sfiga, e fa venire il sorriso da marionetta.

D’altra parte, e giusto per completezza, difficilmente l’allegro di natura è interessato a sondare il lato misterioso delle cose; non per nulla si può parlare di nobile malinconia, mentre non mi è ancora giunta notizia di una nobile allegria.

Se ne deduce che la cosa migliore sarebbe essere allegramente malinconici, oppure, che è il massimo, malinconicamente allegri. Ma questa è roba da artisti… _eek_

Link to post
Share on other sites

Il T.S.O. (trattamento sanitario obbligatorio), per chi non lo sapesse, è una di quelle barbarie che prova quanto poca sia la strada che separa l’epoca dei telefonini da quella delle caverne; e per le quali non mi riesce a trovare un qualificativo.

Quello che segue è un copia/incolla, del quale condivido ogni singola parola.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

“C'è una storiella su un paziente sottoposto alla prova del riflesso psicogalvanico. Gli viene chiesto di dire se è Napoleone e risponde di no. Il galvanometro registra una bugia (R.D.Laing)

Non esiste categoria di esseri umani che abbia collezionato più ragioni e subito più torti delle vittime volontarie (e involontarie) della psichiatria. Non esiste disciplina che abbia perseverato nei propri errori e difeso i suoi orrori come la (incon)scienza psichiatrica. Eppure siamo ancora qui, al di là di ogni logica, buon senso o umanità, a discutere se dare credito e ragione ai primi, oppure lasciare che gli psichiatri continuino ad usare (e abusare) di loro.

Per decidere se esista o meno una malattia che colpisce la mente degli individui e li fa sragionare, abbiamo due strade. Individuarne le cause organiche, i processi biochimici, le disfunzioni, che producono queste trasformazioni incantate e/o inquietanti nelle persone che ne sono affette; oppure raccogliere le testimonianze e le richieste di aiuto delle persone che ne avvertono i sintomi e se ne sentono aggredite. La psichiatria non ha mai ottenuto nessuna delle due prove.

Tant'è che ha dovuto elaborare il concetto di non coscienza di malattia, facendolo assurgere a sintomo chiave della malattia mentale, annullando il confronto con l'esperienza e la volontà dei pazienti e facendo così a meno del loro consenso.

Si è malati di mente per il solo fatto di dichiarare di non esserlo. Si ha bisogno di cure per il solo fatto di rifiutarle. Tutto viene stravolto nella logica psichiatrica. Tutto ci viene rivoltato contro.

Malati (e incoscienti di esserlo) erano quegli uomini e quelle donne che hanno lottato fino all'ultimo istante per non farsi lobotomizzare da altri uomini e donne sane (e coscienti di farlo). Malati (e incoscienti di esserlo) coloro che si ribellano ai vigili urbani che li conducono a forza nei reparti, agli infermieri che li legano al letto o agli psicofarmaci che li rendono larve.

Non c' è niente in ciò che gli psichiatri fanno che assomigli ad un tentativo di dare risposta ad una malattia. Il loro scopo sembra essere convincere se stessi, la società e, soprattutto, i loro pazienti che sono malati e che hanno bisogno delle loro cure. A ben guardare la maggior parte delle parole che si usano in psichiatria (le cosiddette psicoterapie di sostegno, individuali o di gruppo), servono a convincere le persone della necessità che accettino le terapie senza opporre resistenza.
”.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per chi avesse curiosità di saperne di più, accludo un link.

http://www.ecn.org/antipsichiatria/libri/malati/niente.htm

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Similar Content

    • By mastrobb
      Ciao a tutti, sono nuovo in questo sito e vorrei avere qualche delucidazione in merito al casinò di BetVoyager.
      Leggendo quanto mi ha risposto l'assistenza in inglese (non hanno un servizio clienti in italiano) io ho capito che per prelevare i propri fondi bisogna prestare attenzione al metodo di deposito utilizzato.
      Qui di seguito le cose che non mi sono chiare:
      1) la cifra che si preleva deve essere uguale a quella che si deposita?
      se io deposito 100 € con SKRILL, per esempio, gioco e vinco 50 € e poi chiedo un prelievo di 150 in questo caso me lo approvano, oppure no?
      Per incassare 150, devo chiedere un prelievo da 100 + un altro da 50, oppure 3 prelievi da 50 l'uno?
      Vi faccio questa domanda perché io la scorsa settimana ho depositato 134 € con SKRILL, poi ho avuto una vincita e quindi ho chiesto un prelievi (sempre con SKRILL) di 193€.
      La mia richiesta risulta in standby da 5 giorni con accanto il pulsante "CANCEL"....quindi è revocabile....però BetVoyager non mi sblocca il prelievo, ma è "pending".
       
      2) Qualche settimana fa, a fronte di un altro deposito di 215 €, ho avuto una vincita e ne ho prelevati solo 115 (quindi una cifra al di sotto di quella prelevata).
      In questo caso non ho avuto problemi e i soldi sono arrivati in fretta sul mio conto SKRILL.
       
      3) Di conseguenza vorrei capire se la cifra che si richiede come prelievo deve essere sempre inferiore a quella depositata nell'ultimo deposito precedente....perché alla luce di quanto mi è successo nei 2 casi spiegati sopra, sembrerebbe proprio così....
      ...e quindi per poter incassare la cifra che si intende prelevare da una volta all'altra bisogna dividerla in più prelievi ciascuno di importo più basso o uguale (ma non superiore) rispetto all'ultimo deposito effettuato prima di quel prelievo.
       
      4) Inoltre quando ho aperto il conto tempo fa avevo depositato la gran parte della cifra di platfond iniziale col mio conto SKRILL e una piccolissima parte con la postepay...ho letto che se si usano modalità di deposito diverse può essere poi un problema a livello di prelievi, o qualcosa del genere.
       
      Spero possiate darmi delucidazioni in merito, grazie!