Rafelnikov

Iscritto Attivo
  • Posts

    103
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Rafelnikov last won the day on September 22 2020

Rafelnikov had the most liked content!

1 Follower

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    World
  • Interests
    Ci sono persone che sanno tutto, e questo è tutto quel che sanno.

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Rafelnikov's Achievements

Enthusiast

Enthusiast (6/14)

  • First Post
  • Collaborator
  • Week One Done
  • One Month Later
  • One Year In

Recent Badges

20

Reputation

  1. Il modo più veloce per calcolarlo e moltiplicare la posta per un valore r=Q/(Q-1) dove Q corrisponde alla quota. In questo modo l'utile resta costante. Se la quota è Q=12 (come una terzina alla R) e la prima posta p1 è 1 (utile in caso di vincita =11) allora r=12/11=1,0909 quindi la seconda posta dovrà essere p2=p1*r=1,0909, p3=p2*r=1,0909*1,0909=1,19008, ecc. ecc. ; r può essere espresso in percentuale quindi nel precedente esempio si incrementa la posta del 9,1% (ho arrotondato) avendo un utile costante di 11 ad evento realizzato. I passi da calcolare dovrebbero essere stimati sulla base del capitale che intendi rischiare, dei limiti di posta del banco e dei valori statistici registrati sul ritardo di tre numeri. Buon forum, Raf
  2. Caro Satori, ho fatto fatica a non scrivere dopo le tue parole che ti riporto di seguito......adesso faccio un'eccezione perché lo hai chiesto. Anche solo una piccola parte di ciò che avrei potuto scrivere, sarebbe stata un'enorme ricchezza (in tutti i sensi). In ogni caso scegli liberamente e ti auguro il meglio. Con stima, Raf. Il 27/9/2020 alle 18:23 , Satori ha scritto: P.s. Mi spiace che errori nella comunicazione portino alcuni utenti, spesso i più qualificati a rinunciare a scrivere. Modificato: 27 settembre 2020 da Satori Il 26/9/2020 alle 01:03 , Satori ha scritto: Di tanto in tanto, ed ultimamente sempre più spesso, viene anche a me la voglia di smettere di scrivere, e forse lo farò, prima o poi, ma non per la ragioni che immagino siano le tue. Che comprendo bene, ovviamente, e che hanno, purtroppo, fondamento. Davanti a persone che ne sapevano più di me, ho sempre taciuto e ascoltato,ed al massimo ho chiesto per favore di aiutarmi a capire, nel caso stessi stentando. Sono certo che per te è la stessa cosa. E quindi, ci si aspetterebbe lo stesso, nei nostri confronti. Io ho imparato che questa è una pretesa vana; tanto più giusta, quanto più vana. Io so che il mio Maestro supremo, Gesù Cristo, è stato messo in croce per la sola ragione di aver detto la Verità (maiuscolo). Ancora oggi, ci sono tanti, molti più di quanto si immagina, che rifarebbero la stessa cosa. E quindi mi chiedo: chi siamo noi per pretendere che si riconosca quel tanto di verità (minuscolo) che magari possiamo enunciare? Questa è la vera questione! Sapere che si sa di che si sta parlando, e vedere che altri non lo sanno affatto, ma pretendono di insegnarti, non è sempre facile da gestire. Ma se si sa che è sempre stato così e così sarà sempre, allora non resterebbe che una sola possibilità: tacere per sempre. Comprendo chi lo fa, ma non condivido la sua scelta per una semplice ragione: quel poco di vero, di giusto e di bello che abbiamo avuto la fortuna di conoscere, chiede di essere testimoniato. Se ci aspetta di essere capiti, allora meglio cucirsi la bocca. Io rimango, spero di avere la tua compagnia. ☺️ Modificato: 26 settembre 2020 da Satori
  3. Ciao Satori, non ho più nessuna voglia di condividere ciò che conosco del gioco e del mondo dell'azzardo. Però ho troppo rispetto per la cultura e l'intelligenza che ti distingue, quindi riporto un vecchio articolo (in inglese) che avevo letto qualche anno fa di cui condivido la conclusione e potrebbe aiutare a chiarire la logica di ciò che chiedi. Caso e casualità X tutti Non mi interessa il nobel o la medaglia field, la mia autostima non si alimenta con l'approvazione degli altri e questi premi si riducono a soldi di cui mi interessa ancora meno (per ovvi motivi che vi lascio immaginare). Pertanto lascio ad altri il compito di fornire le risposte alle vs domande.
  4. Per te sicuramente non lo è non lo sarà mai, perché sei limitato dalle tue certezze. Non hai abbastanza fantasia. Lascia stare non leggere o rileggere nulla di quello che ho scritto, comunque con capiresti.......ti è già tutto chiaro. 😂😂😂 con questa risposta conosci chiaramente i tuoi limiti a cui facevo cenno poco prima. E' più preciso scrivere che tu non conosci nessun criterio che può dare un vantaggio probabilistico........😆 Ho un chiaro vantaggio sul banco che ovviamente non ti dimostrerò, impara ad essere umile se vuoi imparare qualcosa. Dimenticavo.....chiedere la prova della suddetta affermazione, che non ti darò, non vuol dire che non esiste. Ecco! Questi sono interventi che in passato mi sarei risparmiato......
  5. L'ho scritto io nel 2016: "Comunque a mio parere costruire una strategia di gioco sulla base delle probabilità non necessita della scelta dell’evento che le determina (l’uno vale l’altro), ma del valore delle stesse." Purtroppo è un'abitudine di molti forum, si legge senza la dovuta attenzione. Ciò che ho scritto è li e non può essere confuso così facilmente: consiglio di leggere e rileggere più volte ciò che ho scritto, forse si riesce a capire. Ho scritto, nell'esempio che avevo riportato, che un numero ha più probabilità (non lo calcolo perché è troppo "complesso" per l'utenza media che lo legge) di raggiungere il gruppo a 4 sortite perché è l'unico che è a 3 sortite. Ciò è indiscutibile. Quindi se si gioca per vincere la sortita del numero che si ripete 4 volte, il primo che arriva a tre ripetizioni ha più probabilità di tutti gli altri. È sfruttabile? Non rispondo, potrebbe essere troppo complicato. Ti ringrazio, anche se questo non è il mio gioco. Ho risposto ad un utente cambiando la sua prospettiva su un argomento trattato superficialmente dalla maggioranza degli esperti (cd. legge del terzo) e perciò l'ho approfondito. Se il software non è "condizionato" sicuramente è applicabile. I test effettuati per costruire la manovra che ho spiegato a JJ in mpv sono stati fatti con la funzione VBA random. Ho fatto anche delle veloci partite on line su RNG e non ho avuto problemi. Per costruire la tabella è abbastanza semplice (forse l'ho spiegato a JJ...non ricordo), ho utilizzato la funzione binomiale negativa in excel. Sto solo rispondendo a delle domande e ritengo questo gioco più razionale di tanti approcci che non porteranno da nessuna parte. Ho già il mio gioco di cui sono ampiamente soddisfatto e scrivere su un forum è solo una perdita di tempo per me inutile. Alcuni utenti sono stimolanti (p.e. Satori), altri deprimenti........sono intervenuto qui solo perché questa è stata la mia prima discussione su questo forum........a me non piace la polemica, la trovo uno spreco di energia. Buon forum, Raf
  6. Scusami, ma per fare queste prove perché non apri una tua discussione? Visto che ci sei sforzati anche di scrivere correttamente, Grazie!
  7. Ciao Roberto, l'unico senso che riesco a vederci è quello di ragionare in un numero di colpi predefinito (ciclo) che può semplificare eventuali calcoli da effettuare. Se si comprende che non esiste una "Legge del Terzo", ma che si tratta di una distribuzione di probabilità allora si possono utilizzare le conseguenti informazioni nel numero di colpi che si preferisce. Per esempio, nel file che ho utilizzato ho inserito le attese medie dei 37 numeri per 150 colpi, quindi è possibile non fermarsi ai canonici 37 colpi ma si può proseguire fino a 150 colpi ottenendo sempre le stesse informazioni (quanti numeri sono a zero presenze, a 1, a 2, a 3, a 4 e a 5 o più ripetizioni). Avevo già postato in un messaggio precedente queste informazioni fino al 37 colpo, di seguito ti riporto per esempio la continuazione fino al 100 colpo. Come puoi vedere i numeri a zero presenze al 100 colpo dovrebbero essere mediamente 2 o 3, mentre quelli a una presenza 6 o 7, ecc. Su questa base puoi immaginare tutti i giochi che la tua fantasia ti suggerisce, e...... potrebbero anche funzionare se si riesce a costruire una manovra finanziaria che sfrutta gli scarti positivi e protegge il tuo capitale in caso si scarti negativi. Buon forum, Raf
  8. Quelli verdi sono gli ultimi 12 numeri sortiti.........ho solo modificato il file di un altro utente perché adatto allo scopo. Visto che ci siamo ti dico anche che: il numero 2 sopra il gruppo da 1 è il valore della puntata per i numeri di quel gruppo e il numero 5 sopra il gruppo da 2 sono le vittorie da conseguire per raggiungere l'utile giocando i numeti del gruppo da 1 (parametro necessario per chiudere la manovra a cui avevo fatto cenno qualche post prima). Comunque questa partita (la permanenza l'ho postata prima) ha già chiuso in utile di 70 pezzi al 20 colpo dopo 5 vincite (in grassetto) con questa dinamica della cassa: 1,-2,-3,-4,-5,-6,29,-6,29,-6,-7,-8,-9,-10,-11,-12,-13,44,23,48 Buon forum, Raf
  9. Ciao Roberto, la risposta è affermativa se si ha ben chiaro cosa vuol dire seguire dei valori medi ottenuti da una distribuzione di probabilità. JJ mi ha posto una domanda simile per le terzine e gli ho allegato la seguente tabella...... E' esattamente questo il motivo. Nel prossimo colpo è l'unico numero che potrebbe arrivare a 4 ripetizioni, infatti anche un numero a zero presenze può arrivare a 4 ripetizioni, ma ha bisogno di almeno 4 colpi dal 30 in poi e se con ripetizioni consecutive con una probabilità bassissima. Ripetendo il ragionamento per gli altri numeri si comprende così perché è avvantaggiato il 28. Inoltre lo 0,27 deve essere inteso come dato medio, nel senso che un numero, in 30 colpi, arriva a 4 ripetizioni o non ci arriva, ma effettuando una media su un numero significativo di serie di 30 colpi abbiamo il valore indicato. In un'altra mia discussione avevo riportato il valore della convergenza delle scelte, quindi se il 28 lo scelgo per il criterio in esame e al 31 colpo o successivi convergono altri criteri di scelta su questo numero (penso che possa uscire il nero, la 5 sestina, un numero pari, ecc.) potrei rinforzare la mia fiducia ed essere più motivato a giocarlo. Buon forum, Raf
  10. No, giocherei i 9 numeri del gruppo N2 perché in 30 colpi mediamente questo gruppo dovrebbe avere la presenza di 5 o 6 numeri invece dei 9 e il gruppo successivo N3 1 o 2; l'esempio voleva dimostrare a JJ che lo scompenso di un gruppo necessariamente deve riflettersi sugli altri. Questa analisi può, anzi dev'essere effettuata ad ogni colpo in modo da intercettare opportunità di gioco e possibilità di individuare i numeri da giocare. E' un modo intelligente di sfruttare gli scarti che si possono verificare nella distribuzione delle sortite. L'esempio che avevo riportato in qualche messaggio precedente sfruttava solo il passaggio da N2 a N3, ma volendo si può immaginare anche una mutualità tra i diversi gruppi distribuendo sugli stessi i recuperi e utile. JJ se mi riporti una permanenza che ti ha creato scompenso in un gruppo e non negli altri posso fare una veloce verifica. x Theguru Vorrei anche far notare che, in questo preciso momento della permanenza (30 colpo), il numero più probabile per entrare nel gruppo N4 è il 28, quindi anche se è vero che la probabilità di sortita del 28 è uguale a quella degli altri, se io scommettessi sul numero che per primo entra nel gruppo N4 allora è evidente che tutti gli altri numeri hanno meno probabilità di vincere la scommessa. Buon forum, Raf
  11. Ciao JJ, quindi se ho ben compreso, se tu trovassi i numeri più probabili a sortire sfrutteresti la cosa con una montante in vincita? L'andamento della stessa non è sufficientemente adatta ad accantonare utile per proteggere il tuo capitale. Come hai descritto, con questa puoi migliorare l'andamento della cassa in perdita, ma se abbiamo ipotizzato di avere numeri più probabili non è questo il modo per ottimizzarne lo sfruttamento. Quello che hai scritto sopra non mi torna. Forse l'esempio che avevo riportato non è stato chiaro. Il legame (o influenza) tra i gruppi ha un valore logico matematico incontrovertibile e dall'esame dello stesso puoi trovare risposta per scegliere il momento più opportuno per giocare e quali numeri giocare. Riporto di seguito quanto ho scritto evidenziando alcuni passaggi: Per farti un altro esempio, ti riporto in calce una permanenza di 30 boules e di seguito il riepilogo della distribuzione di questi numeri nei diversi gruppi (N0, N1, N2, N3,). Come puoi vedere il gruppo N0 ha 18 numeri con uno scompenso del +10,67% rispetto alle attese medie previste (16,26 numeri) per questo gruppo in 30 colpi; anche N1 è scompensato del -33,60% , ma quello N2 è quello più interessante +64,87%......... Continuerò dopo la cena........ 26 19 21 10 11 28 0 28 30 26 1 15 31 29 13 35 32 2 35 13 19 28 1 21 17 11 23 23 9 10
  12. Ciao JJ, come procedono i tuoi studi? Sei riuscito a quadrare il cerchio? Forse è più preciso scrivere la "ruota"......😉 Ipotizza di aver già trovato ciò che cerchi, quale sarebbe il modo ottimale per sfruttarlo? Questo è già un vantaggio!
  13. Buongiorno, segnalo che in questa nuova versione, con accesso da smartphone, non trovo il pulsante di disconnessione.
  14. Anch'io ti ringrazio e mi dispiace per quanto ti è accaduto. Purtroppo questo è un periodo a dir poco particolare dove l'intelligenza abdica all'emozione. Scriverò a JJ per i dettagli della manovra che ho adottato. E' una buona idea, ma sarebbe ancora più interessante se tu riuscissi ad entrare nel gruppo nel momento in cui si allinea alla sua media. Questo è il trigger point che avevo suggerito all'utente che mi pose delle domande sulla GUT. In ogni caso è necessario costruirci una manovra per gestire i recuperi. In pratica se un gruppo è in iperfrequenza, ciò ha delle implicazioni immediate sul gruppo successivo e su quello antecedente, rovesciando il ragionamento quindi potresti trovare il modo di entrare nella curva "giusta" pronta per la sortita. Riprendendo il tuo esempio, se al 13 colpo sono sortiti 4 ripetuti (diciamo che 4 numeri sono nel gruppo a 2 sortite), questa iperfrequenza ha due conseguenze. Il gruppo da 2 dovrebbe stare a 1,56 quindi potrebbe essere corretto giocarlo perché per rientrare in media ha solo due possibilità: sortisce e alimenta il gruppo successivo a 3 sortite oppure trascorrono le sortite senza nessun altro numero che entra nel gruppo di 2. Ma la situazione descritta ci informa anche che il gruppo ad 1 sortita è molto scompensato, quindi per rientrare in media devono sortire i numeri che appartengono al gruppo dei non sortiti. Forse sarebbe stato meglio giocare per un paio di colpi questo gruppo dei non sortiti e poi iniziare a giocare il gruppo di 2 in iperfrequenza. Ovviamente alla base di questi ragionamenti c'è l'idea di cercare l'allineamento delle curve reali a quelle teoriche che non necessariamente deve avvenire. Buon forum, Raf
  15. Figurati Satori, potrei dare un contributo anche maggiore ma purtroppo nel tempo ho sperimentato che nei forum girano utenti "particolari" che non meriterebbero nemmeno i concetti espressi. Al tempo del forum citato non frequentavo nessun forum italiano, comunque ho dato un'occhiata agli interventi di questo "ingegnare" e mi sembra competente. Sarebbe stato interessante scambiarci qualche opinione. Mi sono interessato alla questione perché un utente mi ha posto in privato una serie si quesiti ai quali ho risposto. L'approccio nel suo insieme è intelligente, ma non può funzionare così come è spiegato in tutti i forum che ne parlano proprio per quello che tu segnali: la forza dello scarto. Quindi secondo me una manovra è necessaria e corrisponde al pezzo mancante a cui ti riferisci. Ho descritto sinteticamente i concetti utilizzati, ma non ho fornito i dettagli. Ti riporto di seguito ciò che ho scritto e ti posso dire, per iniziare, che l'evento certo è il passaggio da un gruppo ad un altro e nel tuo Ps3 hai individuato quello che ho utilizzato. La manovra deve fare la differenza tra la vincita e la perdita. Non può essere troppo blanda, altrimenti l'evento si esaurisce senza ottenere l'utile, non può essere troppo violenta altrimenti l'esposizione cresce troppo e ciò si riflette sulla puntata. Deve avere una discreta capacità di accumulo per poter far fronte ad un'eventuale salto lasciando il gioco in vincita. Rokkat ha scritto diverse concetti basilari per costruire una manovra. Ma lo scarto non si arresta davanti a nulla. Bisogna sfruttare lo scarto quando è favorevole ed utilizzare la manovra in caso contrario. Insomma l'ultima cosa da fare è giocare in maniera meccanica l'andamento delle curve. Purtroppo questo è quello che ho letto in giro su questo approccio (gioco sull'incrocio delle curve, seguire una singola curva, ecc.) Ti ho risposto, è la manovra che fa la differenza. Se vuoi ti scrivo in mpv per descriverti come è strutturata. Considera comunque che il numero di colpi analizzati è insufficiente per esprimere un giudizio compiuto. La cosa che si può già vedere è la capacità di accumulo di utile e la bassa esposizione di cassa. Questo lascia immaginare che la scelta dei parametri adottati è corretta. Ma ormai ho acquisito una notevole esperienza sull'argomento, anche se il mio gioco non è di manovra. Buon forum, Raf p.s.: il fatto che nessuno abbia fatto funzionare questo approccio non mi meraviglia, ma ti posso garantire che le mie capacità sono pari solo alla mia modestia.