Scommesse Online All'estero - Legalità O Illegalità?


mox78525
 Share

Recommended Posts

Buongiorno, come molti di voi sono un appassionato di scommesse online, ma ultimamente mi è sorto qualche dubbio sulla legittimità o meno di farlo. I dubbi sono di due tipi:

1. Giocare dall’Italia su siti esteri non affiliati AAMS come UniBet.com o Bet365.com o bwin.com è legale? Ho letto diversi pareri in proposito ma non è chiaro se farlo viola il diritto italiano o se è il diritto italiano che impone l’oscuramento di questi siti a violare le direttive europee. Fosse illegale, cosa che sinceramente non mi auguro, cosa si rischia?

2. Posto che qualche volta si vince, un eventuale prelievo sul proprio conto bancario, è altrettanto lecito o meglio rispetta le norme italiane sulla tassazione. Poniamo il caso di essere sottoposti ad accertamento fiscale, le eventua-li entrate sono giustificate e quindi legittime o si rischia una sanzione amministrativa e addirittura un imputazio-ne?

Ringraziandovi per l’attenzione, Vi prego di rispondere a questi quesiti.

Link to comment
Share on other sites

L’Unione Europea si è pronunciata già più volte sulla questione delle scommesse e del monopolio delle scommesse in Italia e presto anche il governo italiano dovrà adeguarsi alla legislazione europea. Nell’Unione Europea vige il principio della libertà di circolazione di servizi, delle merci, dei capitali e delle persone e nessuno Stato membro può decidere una soppressione o limitazione di questo importante principio

Quindi non sei tu che sta' compiendo un reato ma lo stesso governo che non puo' impedire ad una persona di giocare dove vuole..

Link to comment
Share on other sites

Grazie per i link segnalati. Il dilemma a me personalmente resta alto. Non tanto sul fatto di scommettere su siti come quelli prima accennati (penso siano migliaia gli italiani che lo fanno) e come per scaricare film, musica in peer to peer non penso che sia proprio possibile un controllo approfondito utente per utente.

Il problema maggiore lo vedo dal punto di vista fiscale. Io faccio parte infatti di uno studio professionale associato, il cui conto bancario è perfettamente in regola. So però che in caso di studi di settore la finanza può controllare anche il conto corrente personale. Ebbene posso giustificare gli ipotetici 500 euro che mi arrivano dalla banca Fortis di Milano (quella unibet) dicendo che gli ho vinti in scommesse? Faccio presente che l'anno scorso ho perso parecchio e quindi ad alcune entrate possono corrispondere uscite doppie.

Secondo voi a chi di davvero competente devo chiedere: Agenzia delle Entrate, Banca, Commercialista? (mi pare ovvio che l'operatore di un bookmaker, nel caso ti dia una risposta, ti dirà sempre che è perfettamente tutto legale.

Il sito poi dell'AAMS fa veramente schifo. E' lento non c'è un forum e nemmeno la possibilità di contattarli.

Link to comment
Share on other sites

io ho timori simili ai tuoi e sto CONSIDERANDO la possibilità di fare una cosa tipo "estero su estero".

Parlare molto chiaro con un book, spiegargli che sono italiano ma desidero mantenere tutta quanta la... "contabilità" fuori, farmi una specie di postepay o simile in Svizzera, ad Andorra o in Lichenstein e quelle 2 o 3 volte all'anno che vado fisicamente appunto in Svizzera, ad Andorra o in Lichenstein prelevare/versare (a seconda della fortuna) esclusivamente in contanti.

Non penso il governo italiano arrivi a chiedere delle rogatorie internazionali per questo tipo di cose.

Può essere che io abbia scritto delle castronerie, se qualcuno ne sa di più, ben vengano correzioni e/o suggerimenti.

Link to comment
Share on other sites

Ciao uriah 1970, ma tu hai chiesto a qualcuno?

No.

ma considero una sega andare e tornare dalla svizzera per tirare su due lire

chiaramente se vado diciamo in Svizzera due volte l'anno, non ci vado nè per 2 lire, nè per 2 franchi (svizzeri), nè per 2 euro.

Si fa una bella carica iniziale, ci si autocontrolla, e si va avanti normalmente.

A me basterebbe che qualcuno qualificato mi dicesse che non si rischia niente.

Sono davvero mortificato ma penso di non essere affatto qualificato.

Ho esposto un'idea, tutto qui.

:D

Link to comment
Share on other sites

Il fatto è che per esempio da UniBet l'unico modo possibile (in mio possesso) per prelevare è tramite bonifico bancario e visto che se i soldi vinti li lascio dentro il conto UniBet , finisco col giocarmeli tutti, preferisco prelevarli. Sapete tutti infatti che se i soldi li devi depositare sul conto, razionalmente ci pensi un pò di più che se invece ce li hai già a disposizione. Questo però comporta una serie di movimenti per cui alla fine di un mese tu puoi aver versato 2.000 E e ritirarne 2.500.

Il problema infatti non è tanto se ti vanno a vedere i 500 E. vinti, ma come li giustifichi in caso di sottoposizione a studio di settore.

Per essere in regola io sarei anche disposto a dichiarare le somme vinte nella dichiarazione dei redditi ad esempio. Voi che ne dite?

Link to comment
Share on other sites

Nonostante il problema si sia affrontato già, seppur relativamente in queste due discussioni:

http://www.ammazzacasino.com/forum/Bet365-Anco...lita-t9519.html

http://www.ammazzacasino.com/forum/AAMS-legali...line-t5897.html

mi stupisco come su più di 7000 utenti registrati il problema di cui sopra sia così poco considerato ed anzi si parli di più di come evitare l'oscuramento AAMS, piuttosto che collaborare ad una soluzione univoca e concreta.

Scusate il tenore della presente che non è affatto polemica ma semplicemente una considerazione dettata appunto da grande stupore.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

scusami una domanda: se tu vai per esempio al casinò di Sanremo (quindi perfettamente legale, con tutti i crismi della liceità anche dal punto di vista fiscale), entri con 500 euro ed esci con 3000 perché hai una sera molto fortunata, che fai ?

Dichiari 2500 di entrate sul modello 740 ??

:ciao:

Link to comment
Share on other sites

Beh una cosa è andare al casinò ed uscire con soldi in contanti e su quelli non ti può dire niente nessuno. Certo che mettiamo che, invece che a Sanremo o Campione o Venezia vai ad innsbruck (quindi all'estero) vinci una somma che mi pare debba essere superiore ad E: 10.000, questa andrebbe dichiarata alla dogana (vi ricordate il famoso "qualcosa da dichiarare").

Un'altra cosa invece è se con regolarità ti arriva un bonifico bancario dall'estero. Ad un controllo come giustifichi tali somme?

C'è dunque una bella differenza!!!

Comunque martedì prossimo andrò in banca achiedere e magari mi daranno una risposta esauriente.

A mio parere dovrebbe funzionare come quando si gioca in borsa o quando si investe in obbligazioni. Se non mi sbaglio lo Stato italiano tassa i profitti di tali operazioni al 12,5%... ed il profitto ti arriva già decurtato di tale percentuale.

Nel caso di casinò online, poker e scommesse però dovrebbe essere che ad essere tassato è solo il bookmaker o casinò ma di questo non sono sicuro.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

vai ad innsbruck (quindi all'estero) vinci una somma che mi pare debba essere superiore ad E: 10.000, questa andrebbe dichiarata alla dogana (vi ricordate il famoso "qualcosa da dichiarare").
Innsbruck è in Austria, e quindi anche se estero è Europa, e non c'è nessuna dogana a cui dover dichiarare qualcosa!
Nel caso di casinò online, poker e scommesse però dovrebbe essere che ad essere tassato è solo il bookmaker o casinò ma di questo non sono sicuro.
Per le scommesse effettuate in italia è precisamente così, e non le devi dichiarare. Per quelle all'estero chiaramente è lo stato dove risiede il bookmaker che tassa, per cui il nostro governo rosica.
Link to comment
Share on other sites

Nel caso di casinò online, poker e scommesse però dovrebbe essere che ad essere tassato è solo il bookmaker o casinò ma di questo non sono sicuro.

Il problema è tutto quì. Sono i casinò che pagano le tasse e quindi quelli esteri non le pagano in Italia; da quì è scaturito tutto casino (scusa il gioco di parole) dell'oscuramento ecc. ecc.

Link to comment
Share on other sites

Nel caso di casinò online, poker e scommesse però dovrebbe essere che ad essere tassato è solo il bookmaker o casinò ma di questo non sono sicuro.

Il problema è tutto quì. Sono i casinò che pagano le tasse e quindi quelli esteri non le pagano in Italia; da quì è scaturito tutto casino (scusa il gioco di parole) dell'oscuramento ecc. ecc.

si ma che diritto hanno di oscurarli??

Link to comment
Share on other sites

PER IL DL 1078, IL SENATO APPROVA LE NUOVE DISPOSIZIONI SU GIOCO ONLINE E POKER TERRESTRE.

Il voto sull'intero disegno di legge si terrà martedì prossimo. Il Senato si è espresso ieri sull'art. 24 e sui relativi emendamenti del dl 1078, legge comunitaria. Parte della norma è dedicata al gioco online, un comma disciplina il poker live.

Con il voto di ieri, il Senato ha approvato l'articolo e un emendamento. Tutte le altre proposte di modifica sono state ritirate o respinte.

Il voto sull'intero disegno di legge si terrà martedì prossimo, il testo quindi passerà all'esame della Camera.

L'unico emendamento approvato è stato presentato dai Senatori Esposito e Bonfrisco e prevede che i giocatori per poter accedere ai siti di gioco debbano registrarsi presso il sistema centrale dell'Aams.

Inoltre al sistema dei Monopoli verranno trasmesse le informazioni anonimedelle giocate e i movimenti sui conti di gioco.

Infine dovranno essere trasmessi con protocolli che stabilirà l'Amministrazione anche i movimenti relativi a attività di gioco effettuate mediante canali che non prevedono sub registrazione da parte del sistema centrale dell'Aams.

Respinti o ritirati tutti gli altri emendamenti, tra cui anche quello del Sen. Coronella per affidare l'organizzazione dei tornei live di poker a chi già abbia una concessione per gli altri giochi, quelli dell'IdV per aumentare le penali a carico di compagnie che operano illegalmente, i Fontana Barbolino per aumentare i corrispettivi per l'aggiudicazione delle licenze, il Boldi per affidare alla polizia municipale il compito di controllare la regolarità delle slot istallate in bar e locali.

Respinto anche l'ordine del giorno dell'IdV che chiedeva di abrogare le pene previste per i giocatori che effettuano puntate su siti non autorizzati, secondo l'IDv questa norma potrebbe spingere i giocatori eventualmente truffati da siti illegali a non denunciare i truffatori.

Fonte Agicos

Link to comment
Share on other sites

Vi riporto il testo di una chat appena effettuata con un operatore Bet365:

La ringraziamo di aver contattato la Live Chat di Bet365. Un operatore La assisterà a breve.

Attualmente sta chattando con 'Giovanni B'.

Giovanni B: Salve e benvenuto alla Live Chat di Bet365. Come posso aiutarLa?

Andrea: Ciao, potresti darmi per favore dei chiarimenti definitivi se giocare con Voi dall'Italia è legale o meno

Andrea: e se avete richiesto l'autorizzazione aams?

Giovanni B: Per quanto concerne le scommesse sportive, abbiamo una licenza regolarizzata dalla UK Gambling Commission. Le nostre piattaforme Casinò, Poker e Giochi sono regolarizzate dal governo di Gibilterra. Pertanto, secondo quanto stabilito dal diritto Europeo, Bet365 può accettare scommesse in tutto il territorio Europeo.

Giovanni B: Ad essere illegale é piuttosto il sistema di concessioni dell'AAMS.

Giovanni B: Il Disegno di Legge del Governo e il sistema di concessioni messo a punto dal AAMMS si pongono in netto contrasto con una importante direttiva della commissione Europea del 1998, per la quale si vieta agli stati di instaurare obblighi e restrizioni al commercio elettronico e alla rete internet. Lo stato italiano per espressa disposizione della Costituzione é tenuto ad adattare la propria legislazione a questa direttiva.

Giovanni B: In oltre vi sono ben due sentenze della Corte Europea che condannano lo stato italiano e quindi il monopolio di stato in materia di giochi e scommesse online : si tratta della sentenza Gambelli del 6 novembre 2003 e della sentenza Placanica del 6 marzo 2007, con le quali si evidenzia come le restrizioni operate dallo stato italiano siano in netto contrasto con i principii del libero mercato e della libera concorrenza.

Giovanni B: C’è nient’altro in cui posso esserLe utile?

Andrea: bene o male è quello che ho letto su diversi forum. Ma se invece ad esempio prelevo dal vostro conto una vincita, questa va direttamente sul mio conto ed io devo dichiararla?

Andrea: cioè le vincite sono sottoposte a tassazione?

Giovanni B: No assolutamente.

Giovanni B: C’è nient’altro in cui posso esserLe utile?

Andrea: perché

Giovanni B: Guardi non c'é alcuna tassazione sulle vincite.

Andrea: scuasami ma se sul mio conto mi trovano mettiamo 10000 euro provenienti da un conto estero, tu mi dici che non rischio nulla!

Giovanni B: Guardi per questi aspetti legali non sono in grado di risponderLe in modo preciso. Deve consultare un avvocato o un commercialista per conoscere i dettagli della legislazione afferente alla giurisdizione in cui si trova.

Giovanni B: C’è nient’altro in cui posso esserLe utile?

Andrea: No grazie

Giovanni B: Grazie per aver contattato la Live Chat di Bet365. La preghiamo di cliccare su ‘Chiudi’ per rilasciare una valutazione del servizio ricevuto ed eventualmente richiedere una trascrizione.

La sessione è stata terminata da Bet365.

Mi pare chiaro che appena ti spingi un pò più in là con le domande ti rispondono di rivolgerti ad un legale o ad un commercialista. Comunque tutta questa materia è nel buio più totale :fatto:

Link to comment
Share on other sites

mi sembra sia stato molto chiaro ... a trovarli simili operatori !!!! addirittura cita delle sentenze.

comunque per gli aspetti legali mi sembra ovvio che ci si dovrebbe rivolgere ad un professionista qualificato.

anche se penso che la materia sia ancora piuttosto controversa e quindi i pareri sono abbastanza discordanti.

chi dice una cosa e chi ne dice un altra.

ciao.

Link to comment
Share on other sites

L’Unione Europea si è pronunciata già più volte sulla questione delle scommesse e del monopolio delle scommesse in Italia e presto anche il governo italiano dovrà adeguarsi alla legislazione europea. Nell’Unione Europea vige il principio della libertà di circolazione di servizi, delle merci, dei capitali e delle persone e nessuno Stato membro può decidere una soppressione o limitazione di questo importante principio

Quindi non sei tu che sta' compiendo un reato ma lo stesso governo che non puo' impedire ad una persona di giocare dove vuole..

In pratica ti ha detto la stessa cosa che ti ho detto io pochi giorni fa'........Pero' minchia quanto sei pignolo :fatto: l'operatore della chat è stato molto esauriente, mi sembra logico che se poi gli fai delle domande specifiche riguardo le leggi italiane ti manda da un avvocato .....ringrazie che ti ha detto di andare da un avvocato e non ti ha detto di andare altrove hehehehe SCHERZO!!

Edited by mistheria2000
Link to comment
Share on other sites

io continuo a chiedermi... perché online dovrebbe essere illegale e andare in un casino a las vegas no?? sii voi direte il casino di las vegas paga le tasse allo stato in cui risiede ma anche il casino online paga le sue tasse SE poi qui la questione è l'italia non ci mangia sopra (come sempre ovviamente) beh è un'altra cosa

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share