Rischio Paese!?


Pennone
 Share

Recommended Posts

E bravo il governo greco...

http://politicaesoci...i-militari.html

e temo che anche Supermario farà lo stesso!

Non esiste crisi nella spesa a favore delle forze armate dal forziere barcollante del governo greco devono sempre stare in guardia con la storica rivale confinante Turchia .Navigando in zone territoriali tra i due stati si nota sempre una massiccia presenza di forze aereonavali di entranbi i paesi.(A mio parere noto la supremazia da parte dei turchi,con forte pattugliamento con unità navali ) Edited by capitano
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

... col ritorno alla lira io ci guadagnerei una cifrona grazie alla natura dei miei investimenti :ciglia:

Il solo problema :blush: non mi stancherò mai di dirlo è se quelli del governo non si accontentano di quello che ci hanno rubato con le tasse e decidono che aver preso tutto loro non gli basta piu e vogliono proprio tutto e decidono di congelare i titoli di stato rubandoci i soldi. Se succede questo non c'è piu nessuna speranza giacchè con poco s fa ma con ninte no! :blush:

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

A Cipro tassati i depositi bancari al 6,75%

file interminabili ai bancomat per prelevare

la banca centrale cipriota ordina il blocco di tutti i conti correnti bancari

nessuno può prelevare nè fare bonifici o giroconti

Non è la trama di un film di fantapolitica. E' accaduto realmente oggi.

Gli Eurocrati stanno facendo le prove generali per Spagna, Grecia e Italia.

"so it would make sense, in Italy a one-time property tax levy.

A tax rate of 15% on financial assets would probably be enough

to push the Italian government debt to below the critical level of 100% of gross domestic product."

German Commerzbank Suggests Wealth Tax In Italy Next | Zero Hedge

Edited by tonino
Link to comment
Share on other sites

Certo il 15% mi sembra un po' esagerato.. ma visto che il nostro debito a superato i 2k miliardi e dato il precedente di cipro, temo che i tempi siano maturi per un altro prelievo forzoso retroattivo come quello di topo gigio nel '92.

Link to comment
Share on other sites

Sembra stupido, ma considerando le banche dei ladri legalizzati, da tempo lascio sul conto solo il minimo sindacale per pagare le varie utenze mensili e far la spesa col bancomat (più un piccolo extra per le "spese impreviste"). Tanto, con gli interessi che danno, anche solo 50/100 euro al mese di accumulo sul libretto di risparmio coop, mi pago parte delle spese del conto corrente bancario (e pago la spesa direttamente dal libretto).

Benedizioni

Edited by Guymond
Link to comment
Share on other sites

Bella domanda..

Tutto dipenderà dalla entità di tassa che verrebbe applicata: con un eventuale 15% non c'è storia, converrebbe metterli sotto il materasso.

Se fosse un 1-2% UNA TANTUM allora ancora ancora i vari conti deposito a zero spese rendono tanto quanto e quindi male che vada per un anno si va a pareggio.

Probabilmente converrebbe investire in obbligazioni e buoni fruttiferi del tesoro (sfidando il rischio default), non ne sono sicuro ma se il capitale risulta vincolato in un conto titoli, sarebbe impossibile il prelievo forzoso.

Link to comment
Share on other sites

Ma quindi secondo voi se uno a qualche risparmio dove conviene tenerlo...?

Supponendo di rimanere in Italia, conviene investirli nell'ordine:

- terreno agricolo energeticamente performante nella fattispecie montano/pedemontano/lacustre (legname) ovvero in corrispondenza di solfatare/soffioni boraciferi (geotermia) ovvero in località ventose (eolico) ovvero celle fotovoltaiche(solare)

- consistente accumulo di vettovaglie a lunga scadenza (scatolame, sale, zucchero, acqua, bevande alcoliche e non)

- sementi, concimi, pollame e altri animali da cortile

- filo spinato, armi e munizioni per la difesa del territorio (assalti di bande organizzate di briganti e zombies affamati)

- due cisterne 30hl carburante diesel per trattore/jeep/panda 4x4

- pc con connessione satellitare e baracchino cb in modulazione d'ampiezza e frequenza

- detersivi, scarpe e mutande in quantità

Link to comment
Share on other sites

Ma quindi secondo voi se uno a qualche risparmio dove conviene tenerlo...?

Supponendo di rimanere in Italia, conviene investirli nell'ordine:

- terreno agricolo energeticamente performante nella fattispecie montano/pedemontano/lacustre (legname) ovvero in corrispondenza di solfatare/soffioni boraciferi (geotermia) ovvero in località ventose (eolico) ovvero celle fotovoltaiche(solare)

- consistente accumulo di vettovaglie a lunga scadenza (scatolame, sale, zucchero, acqua, bevande alcoliche e non)

- sementi, concimi, pollame e altri animali da cortile

- filo spinato, armi e munizioni per la difesa del territorio (assalti di bande organizzate di briganti e zombies affamati)

- due cisterne 30hl carburante diesel per trattore/jeep/panda 4x4

- pc con connessione satellitare e baracchino cb in modulazione d'ampiezza e frequenza

- detersivi, scarpe e mutande in quantità

Tonino tu scherzi...ma son cavoli amari... :hahaha:

Link to comment
Share on other sites

Ci dicono che dobbiamo fare sacrifici per salvare l'Euro a tutti i costi... ma sarebbe davvero una catastrofe il ritorno alla vecchia Lira? oppure vogliono farcelo credere?

Con la caduta dell'Euro vedo guai più per la Germania che non riuscirebbe a vendere all'estero eine tuben. Noi con la nostra liretta svalutata potremmo raddoppiare l'export e subire un'invasione pacifica di turisti stranieri spendaccioni.

Certo la nostra classe media non potrà più permettersi i macchinoni tedeschi e le vacanze ai Caraibi ma sai che perdita... anzi parecchi prodotti di consumo che adesso pigramente importiamo saremo costretti a produrceli noi qui in Italia, sviluppando finalmente quei settori di innovazione rimasti fermi per decine e decine di anni.

Ricordo che era italiana la prima azienda al mondo a produrre un personal computer:

http://it.wikipedia.org/wiki/Personal_computer

(leggi paragrafo: Storia)

http://www.youtube.com/watch?v=QtlZedytjmM

Illuminante (e sconvolgente) il saggio di Alberto Bagnai Il tramonto dell'euro, che spiega pure come ci si è (erroneamente) arrivati

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share