L'oscuramento Finirà Nel 2007 - Decreto Sulle Liberalizzazioni Bersani-visco


Recommended Posts

Casinò Online : Il Gioco d'Azzardo online tornerà legale dal prossimo anno

Dall'anno prossimo, come in Gran Bretagna, giocare d'azzardo online non sarà più illegale.

Gli entusiasti parlano di "britannizzazione delle scommesse", volendo far intendere che l'Italia dei giochi si è messa sulla scia dei maestri anglosassoni.

I più scettici dicono che si tratta di una "liberalizzazione alle vongole", nel senso che lo Stato fa sì un passo indietro, ma non si limita a dettare le regole generali e a riscuotere le tasse come in Gran Bretagna, lasciando poi che scommettitori e gestori se la vedano tra loro.

A prescindere dai giudizi, dal 1° gennaio 2007 l'organizzazione dei giochi e soprattutto delle scommesse in Italia subirà uno scossone.

Le novità introdotte dal tandem Bersani-Visco con il "decreto sulle liberalizzazioni" sono rilevanti, per almeno tre motivi.

Primo: gli scommettitori potranno puntare l'uno contro l'altro su un determinato evento avvalendosi dell'interconnessione di un gestore di piattaforme telematiche.

Secondo: si potrà giocare via internet a poker, black jack, e puntare nei casinò online.

Terzo: verrà ampliata la rete delle agenzie di scommesse dagli attuali 770 punti ad almeno 7 mila.

Vediamo in dettaglio partendo dalle scommesse testa a testa.

Finora questo tipo di puntate era illegale in Italia, ma siccome per gli appassionati si tratta di "una sfida personale particolarmente attrattiva", come è scritto nella relazione che accompagna il provvedimento del governo, il risultato prevedibile è che gli italiani si rivolgevano in gran numero all'offerta estera organizzata via internet dalle multinazionali del settore, soprattutto di origine anglosassone: da Ladbrokes a BetFair, da WilliamHill a Stanley.

Tra pochi mesi si potrà fare anche in Italia su eventi non "certificati" dai Monopoli di Stato. Si potrà scommettere l'uno contro l'altro su eventi diversi, anche i più eccentrici e stravaganti, scelti autonomamente dai giocatori.

Circostanza che riduce la scommessa a fatto privato con solo l'intervento regolatore di un banco e fa parlare, appunto, di "britannizzazione" del gioco.

Anche la possibilità di giocare via internet a poker e ai casinò virtuali rientra in questa logica e risponde inoltre all'ingiunzione dell'Unione Europea contro la decisione italiana, inserita nella Finanziaria 2006, di oscurare i siti stranieri considerati illegali che proponevano questo tipo di attrazioni.

Infine, l'allargamento dei negozi dedicati ai giochi. Almeno nelle intenzioni anche questa scelta si inserisce nel solco se non proprio di una liberalizzazione quantomeno di un ampliamento della concorrenza.

I nuovi locali verranno affidati sulla base di una o più aste competitive e, per non danneggiare la rete esistente, sono fissati limiti per l'installazione, per esempio da 400 metri a 1,6 chilometri di distanza tra un negozio e l'altro in base alle dimensioni del comune.

I tecnici governativi sono convinti che con queste misure il gettito delle scommesse salirà di 262 milioni nel 2007 e di 281 l'anno successivo (nel 2005 è stato 1,4 miliardi).

Le multinazionali del gioco sono entusiaste del nuovo corso: "È un passo nella direzione da noi auspicata, porterà vantaggi ai consumatori, garantirà un'offerta più ampia e più concorrenza. Speriamo vengano introdotti cambiamenti anche sul livello delle tasse" dichiara Massimiliano Bancora, rappresentante in Italia della BetFair.

Assai meno infervorato Maurizio Ughi, amministratore dello Snai, gruppo italiano titolare di 250 punti scommesse: "Vengono accolte in larga parte le richieste degli stranieri, la concorrenza si farà più dura".

Link to post
Share on other sites
  • 5 years later...

A me 002.ammazzacasino.com porta alla pagina dell'AAMS se provo dall'italia senza aver utilizzato la procedura anti AAMS.

Il video comunque non mi sembra popolarissimo. Ed è un peccato perchè se passasse una cosa del genere su un notiziario almeno la gente inizierebbe un po' a farsi delle domande.

Link to post
Share on other sites

Quello del video secondo me parla in maniera superficiale. Perchè non scorre in basso nella pagina di sbpoker.it e fa vedere che ha regolare licenza aams? O usa il simbolo dell'aams a fondo pagina solo per riempire uno spazio vuoto?

Cosa non si fa per il proprio quarto d'ora di celebrità.

Benedizioni

Edited by Guymond
Link to post
Share on other sites

Il presunto giornalista commette parecchie gaffes che denotano una certa incompetenza in materia:

-considera ammazzacasinò un casinò online (e non un sito informativo)

- confonde i .it licenziati coi .com illegali

- pronuncia l'acronimo aams cadenzato a-a-m-s

invece tutti noi sappiamo che si dice aaaaaams chiara onomatopea del magnone (o magnaccia).

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...