Giocatori Di Casinò Online


Recommended Posts

Inizio questa discussione perché stavo leggendo un post all'interno della sezione Off Topic

io personalmente racconto le mie esperienze di gioco solo nel forum, nella vita di tutti i giorni

non parlo delle mie vincite o perdite o del fatto che gioco, quando ci ho provato ho visto le reazioni

di alcuni conoscenti e ora evito di parlarne.

Condivido quello che dici a riguardo dei non giocatori...

Molti pensano male dei casino on line e poi forse buttano i soldi nelle slot dei bar!

e una domanda che mi faccio spesso mi è tornata alla mente: perché noi giocatori di casinò online dobbiamo "nasconderci"? Quale reato commettiamo?

Io ora parlo per me, ma le reazioni delle persone sono state le stesse ed anche io evito di parlarne già da tempo. Vieni quasi visto come un mostro, come uno spendaccione o addirittura come uno che "con questa crisi" toglie soldi alla famiglia! :f8:

Poi magari c'è chi fa peggio e ne ho vista di gente, giocarsi la propria auto alle slot dei bar, "mangiarsi" la busta paga del mese nei gratta e vinci! :app::D

Nel mio caso è solo divertimento (come credo anche per la maggior parte di voi qui) quando ne ho in più, un giro a qualche slot me lo faccio volentieri, fosse diventato un vizio pericoloso, mi fossi giocata chissà cosa per pagar debiti di gioco, non sarei nemmeno qui a parlarne...

Alla fine è quasi come spendere i soldi al lotto e superenalotto (che si giocano 3 volte a settimana) oppure il win for life (che si gioca tutti i giorni) anzi, forse a conti fatti si spende di più e non vinci mai (salvo casi rari e con cifre ridicole) ai casinò online almeno qualcosa te la porti a casa, non sono i milioni che ti danno al superenalotto, ma almeno riprendi quello che hai speso con magari qualche decina di euro in più e si gioca con quelli, addirittura noi giocatori di casinò online, a volte nemmeno di tasca nostra li tiriamo fuori, giocando con i bonus gratuiti! :app:

Scusatemi se son saltata fuori con questo argomento, ma leggere quel post un pò mi ha infastidita, non chi lo ha postato, ma chi pensa male di "noi"!

Mi piacerebbe sentire anche il vostro parere a riguardo se vi va... Io ho detto quello che pensavo è così che sono fatta. :D

:D:app:

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

penso che ognuno viva il gioco secondo il proprio modo di essere. alcuni lo considerano un vizio, altri una droga, altri una rendita, altri (come me) solo un gioco.

per me il casino online è nè più nè meno che un videogioco. entro nella partita con 10 gettoni, se perdo amen, se vinco passo al livello successivo ed aumento le giocate e così via, sino a che perdo tutto, o mi stanco, o raggiungo l'ultimo livello e concludo il gioco. l'ultimo livello ovviamente lo decido prima di iniziare il gioco.

Link to post
Share on other sites

penso che ognuno viva il gioco secondo il proprio modo di essere. alcuni lo considerano un vizio, altri una droga, altri una rendita, altri (come me) solo un gioco.

per me il casino online è nè più nè meno che un videogioco. entro nella partita con 10 gettoni, se perdo amen, se vinco passo al livello successivo ed aumento le giocate e così via, sino a che perdo tutto, o mi stanco, o raggiungo l'ultimo livello e concludo il gioco. l'ultimo livello ovviamente lo decido prima di iniziare il gioco.

daccordissimo, tutto và preso per quello che è un gioco, può andare bene come può andare male, mai cercare di rifarsi, grave errore, a fine mese si fà la " pesa " tra quello che si è perso e quello che si è vinto.

è retaggio dei tempi andati considerare i giocatori di casinò dei " dilapidatori di patrimoni " quando non esistevano altri tipi di giochi ( lotto a parte ) oggi non è più così ma la nomea è rimasta tale , ci si rovina in molti modi non solo con i casinò

felicità

Link to post
Share on other sites

Quoto tutti e due :app:

E' che la gente, prima di parlare, dovrebbe farsi un piccolo esame di coscienza.

Per carità, se preso troppo "sul serio" il casinò (online o reale) può anche rovinarti, tutto sta nel sapersi dare un limite, come fa capire Belfahgor e non andare troppo oltre, ma come giustamente ha detto emgus, ci si rovina in tantissimi altri modi... Io ho conosciuto due persone che andavano tutti i giorni nella sale bingo, si sono venduti la casa per poter giocare, è assurdo! Se poi gli parlavi di casinò, rispondevano che era quella la vera rovina di tante persone :app:

la nomea è rimasta tale

già... i giocatori di casinò purtroppo, sono visti in maniera "diversa" in confronto ad altri giocatori di qualsiasi altro gioco! :app:

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

pensa a quante persone si rovinano (la salute, non solo le tasche, che è ben più importante) con alcool e droghe.

per quanto riguarda il denaro, io non trovo molta differenza nello spenderlo in qualcosa che mi piace (il gioco) piuttosto che in un abito griffato (che fa le stesse funzioni di qualsiasi altro abito) o di un'automobile superlussuosa (che fa le stesse funzioni di una city car). ci sono tanti modi di gettare il proprio denaro. chi compra lusso, chi se lo beve, chi se lo inietta, chi lo guida, chi si diverte a giocare... tutti condannabili e nessuno.

noi giocatori siamo eterni bambini. i casino e i bookies sono i nostri giocattoli.

Link to post
Share on other sites

pensa a quante persone si rovinano (la salute, non solo le tasche, che è ben più importante) con alcool e droghe.

per quanto riguarda il denaro, io non trovo molta differenza nello spenderlo in qualcosa che mi piace (il gioco) piuttosto che in un abito griffato (che fa le stesse funzioni di qualsiasi altro abito) o di un'automobile superlussuosa (che fa le stesse funzioni di una city car). ci sono tanti modi di gettare il proprio denaro. chi compra lusso, chi se lo beve, chi se lo inietta, chi lo guida, chi si diverte a giocare... tutti condannabili e nessuno.

noi giocatori siamo eterni bambini. i casino e i bookies sono i nostri giocattoli.

Non posso far altro che quotarti perché mi trovo d'accordo con te, su tutto! :app:

Link to post
Share on other sites

Si purtroppo noi umani siamo abituati a credere quasi sempre a quello che ci viene raccontato e quasi mai a sentiamo il bisogno di sperimentare per capire se sono solo favole inventate..

I contadini nel secolo scorso, erano certi dell'esistenza dell'inferno perché ne sentivano parlare la domenica i chiesa.

Il lotto, il grattino e vari winforlife sono diventati "friendly" perché ci hanno azzannato il cervello di pubblicità più o meno occulta, quindi dato che tutti ne parlano e tutti ci giocano vuol dire che va bene.

Invece non va bene affatto e il lotto è molto peggio di qualsiasi altro casino online, solo che per capirlo lo devi prima porvare e vincere la "paura"..

Esempi ce ne sarebbero a non finire: la marjuana fa male e chi la usa è un soggetto pericoloso, le sigarette normali fanno male forse peggio ma va bene che le fumino anche i 13enni..

Per non parlare che volendo potresti farti venire una cirrosi epatica facendo acquisti al supermercato..

Il casino online è "demonizzato", perché sono solo truffe, perché ti clonano la carta e comunque non si vince mai.. ovviamente sono tutte leggende, ma alla gente fa comodo crederci.

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

bisogna anche dire che rovinarsi ai casino online è abbastanza difficile, perché:

1) puoi ritirarti quando vuoi

2) ti puoi divertire anche giocando cifre irrisorie

inoltre è vero che è difficile vincere, ma è anche difficile perdere. le slot generalmente ti fanno per lo meno sopravvivere, almeno quelle del playtech dove gioco io...

altro discorso per il microgaming, che trovo veramente ostico. l'unico metodo per raggranellare qualcosa è fargli fare 5000 spinnate a vuoto, ricaricare, alzare la posta e attivare il gioco completo. qualcosa si ricava.

Link to post
Share on other sites

da sempre il giocatore di casino è stato considerato un dilapidatore di patrimoni e in effetti la storia è piena di personaggi che nell'arco di pochi anni hanno bruciato immense fortune,aziende e imperi di tutto rispetto per colpa del gioco e questo fa si che tutti i giocatori siano considerati degli scellerati indipendentemente da tutto,ma se solo parliamo di superenalotto e giochi statali,slot da bar e bingo il discorso cambia;

giocare al superenalotto vale la pena viste le cifre che ci sono in ballo ed è giustificato farlo,poi vaglielo a dire che è meglio un giro di roulette dove le probabilità di uscita del numero sono di 1/37 che una giocata di una colonna al superenalotto dove la probabilità è di 1/622.000.000(all'incirca meno quasi),vaglielo a spiegare che un gratta e perdi su una milionata da una vincita milionaria,vaglielo a spiegare che le slot da bar hanno un payout del 75% mentre quelle da casino vanno dal 93 al 98%,vai a spiegargli quella cagata immane del winforlife e le estrazioni ogni 5 minuti del 10 e....(come cavolo si chiama),il lotto istantaneo giocabile in qualsiasi ricevitoria e tutte le altre menate.

tutte queste persone che tutti i giorni spendono cifre importanti per il bilancio famigliare cosa diavolo sono?

non sono da considerarsi più scellerati dei giocatori di casino?

io sono un giocatore di casino e al mattino vado al bar a bere un caffè dopo aver portato la figlia a scuola e mi costa 1 euro,

vado dal tabaccaio e compro un pacchetto di sigarette(con buona pace dei salutisti) e mi costa 4,10 euro

la moltitudine delle persone oggi invece va al bar al mattino e paga un caffè anche 100 euro(99 alle slot)

va dal tabaccaio e paga un pacchetto di sigarette se tutto va bene una cinquantina di euro(gratta e perdi,superenalotto,winforlife,lotto istantaneo e ambo secco sulla ruota della panda scassata che non può cambiare perché non ha i soldi per la rata di una nuova)

ma com'è possibile che io che sono un giocatore di casino con 5,10 euro soddisfo le mie esigenze e i miei vizi e invece migliaia di persone per uscire di casa hanno bisogno di avere almeno 200 euro in tasca che sistematicamente appena rientrano non avranno più?

chi è lo scellerato,il dilapidatore etc.etc.?

certo poi io vado al casino e spendo li i soldi,ma preferisco rischiarli li dove trovo giochi equi con tasse irrisorie rispetto a quelli che trovo fuori da li,preferisco rischiare qualcosa in più,ma so anche per certo che il ritorno può essere maggiore rispetto ai giochi statali così tanto pubblicizzati,certo non potrò mai vincere una cifra come quella del superenalotto,ma mi accontento di molto meno.

in conclusione personalmente ho fatto outing con i miei genitori,con mio fratello e con tutti quelli che mi conoscono,solo mia figlia è all'oscuro del fatto che gioco ormai praticamente per professione,ma questo per non farla trovare in imbarazzo quando qualcuno le chiede che mestiere fa il padre,non che me ne possa importare molto onestamente,ma pensate a scuola quando una maestra inizia a fare la fatidica domanda"tuo padre che lavoro svolge?"

c'è chi dirà il medico,chi l'operaio,chi l'impiegato e poi se ne esce mia figlia dicendo il giocatore,eheheheeheh,sarà mica un mestiere,quello è solo un modo per rovinarsi(alla faccia di chi lo pensa)

so anche che se un giorno mi dovessi trovare in serie difficoltà e dovessi chiedere aiuto alla famiglia tutti penserebbero e ricondurrebbero la cosa al gioco,qusto è il rovescio della medaglia,ma volete mettere il dritto che è la possibilità di poter guardare negli occhi le persone che sanno di me e vederle li zitte a non proferire parola sulla vita che conduco?

una goduria e un senso di rivincita.

P.S. scusate come al solito sono prolisso e vista l'ora anche prolesso.

saluti

Link to post
Share on other sites

Buongiorno a tutti :ciao:

Quanto mi piace questo forum e quanto mi piacete voi! Avevo già detto che mi state simpatici (anche colti, belli e arguti (cit. TheGuru)) eheheh anche se non vi conosco, ma mi sto affezionando :wub:

Ma torniamo all'argomento del post, premettendo che (come sempre) sono d'accordo con tutti voi...

Il lotto, il grattino e vari winforlife sono diventati "friendly" perché ci hanno azzannato il cervello di pubblicità più o meno occulta...

Come un detersivo "io uso quello perché alla pubblicità dicono che è fantastico!"

I casinò online, a parte i poker vari, non sono pubblicizzati e chissà perché!

Esempi ce ne sarebbero a non finire: la marjuana fa male e chi la usa è un soggetto pericoloso, le sigarette normali fanno male forse peggio ma va bene che le fumino anche i 13enni..

Su questo ce ne sarebbe da dire, ne avrei da dire, ma si finirebbe OT nell'OT, quindi sorvoliamo. <_<

bisogna anche dire che rovinarsi ai casino online è abbastanza difficile, perché:

1) puoi ritirarti quando vuoi

2) ti puoi divertire anche giocando cifre irrisorie

Verissimo, in effetti io mi do sempre dei limiti oltre i quali non vado mai e comunque, come detto in altro post, non gioco mai più di 30€ e non gioco tutti i giorni!

inoltre è vero che è difficile vincere, ma è anche difficile perdere. le slot generalmente ti fanno per lo meno sopravvivere, almeno quelle del playtech dove gioco io...

Gioco anche io nelle playtech e non mi lamento, certo non vinco milioni e nemmeno migliaia di euro, ma le mie spesucce le tiro su tranquillamente!

la moltitudine delle persone oggi invece va al bar al mattino e paga un caffè anche 100 euro(99 alle slot)

va dal tabaccaio e paga un pacchetto di sigarette se tutto va bene una cinquantina di euro(gratta e perdi,superenalotto,winforlife,lotto istantaneo e ambo secco sulla ruota della panda scassata che non può cambiare perché non ha i soldi per la rata di una nuova)

Questa, permettimi Sognatore, mi ha fatta morir dal ridere, l'ambo secco sulla ruota della panda :ris:

anche se ahimè è tutto vero!

certo poi io vado al casino e spendo li i soldi,ma preferisco rischiarli li dove trovo giochi equi con tasse irrisorie rispetto a quelli che trovo fuori da li,preferisco rischiare qualcosa in più,ma so anche per certo che il ritorno può essere maggiore rispetto ai giochi statali così tanto pubblicizzati,certo non potrò mai vincere una cifra come quella del superenalotto,ma mi accontento di molto meno.

Chi si accontebta gode, no? :)

in conclusione personalmente ho fatto outing con i miei genitori,con mio fratello e con tutti quelli che mi conoscono

Lo stesso vale per me, in casa mia lo sanno tutti, figli compresi. Non vedo cosa c'è di male se ogni tanto "butto" 10 o 20€ al casinò online, non tolgo soldi a nessuno, non mi rovino la vita e non rovino quella degli altri! Mio marito a volte si siede di fianco a me e due tiri li fa anche lui :P se gioco con lui vicino ho un pò di fortuna, mi porta bene ihihih se poi si avvicina mio figlio, tataaaan ecco che esce il bonus con giri gratis, una ruota 10x10 a lotto madness! :ris:

Caspita, quanto mi sono dilungata _eek_ ok ok basta... Buona giornata a tutti e che la fortuna vi/ci assista (sempre) ihihihih

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

I casinò online, a parte i poker vari, non sono pubblicizzati e chissà perché!

è vero, non sono direttamente pubblicizzati. ma quante trasmissioni dove si vince girando ruote, scegliendo pacchi, tirando dadi, giocando hi-lo, con i trivia e compagnia bella...

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

però bisogna dire che con l'avvento del poker online e la massiccia pubblicità che ne consegue si sta pian piano mettendo in luce la figura del gambler professionista.

basta che ti vedano una volta in un torneo alla tv e quando tua figlia dirà "il mio papà è un giocatore di poker professionista!" avrai l'ammirazione di tutti.

Edited by Belfahgor
Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

ma la cosa più triste è che in un periodo di stallo dell'economia come questo, il betting è l'unico modo di far girare i capitali.

il gambler è uno che lavora duro, spesso molto più di 10 ore al giorno... rischia il proprio capitale, segue ogni evento con attenzione, studia continuamente nuovi metodi e li sperimenta, segue ogni evento sportivo scrutandolo e sezionandolo... se questo non è un lavoro...

Link to post
Share on other sites

il gambler è uno che lavora duro, spesso molto più di 10 ore al giorno... rischia il proprio capitale, segue ogni evento con attenzione, studia continuamente nuovi metodi e li sperimenta, segue ogni evento sportivo scrutandolo e sezionandolo... se questo non è un lavoro...

Potrebbe essere come dici tu, ma voglio essere onesta... Non conoscevo bene il significato di quella parola (ahhh io e l'inglese, litighiamo troppo spesso) :ciao:

Così ho cercato su google e quello che è saltato fuori è che il gambler non è visto benissimo, per farti un esempio ti riporto qualcosa di quello che si può leggere facendo una ricerca, molti dicono questo:

Il giocatore dipendente (gambler) è un appassionato al gioco che ha perso il controllo del suo impulso al gioco, per cui la sua passione volontaria si è trasformata in una necessità irrefrenabile.

La dipendenza dal gioco è l’unica dipendenza legale senza uso di droghe riconosciuta ufficialmente dalla psichiatria americana come un’alterazione psichica originata dal disturbo del controllo degli impulsi.

La dipendenza dagli impulsi consiste, pertanto, in un impulso incontrollato che è accompagnato da una forte tensione emotiva e non si lascia influenzare dal pensiero riflessivo. Quando il dipendente si abbandona al gioco, attraversa un momento di sommo piacere che può raggiungere il livello della sbornia o dell’estasi, causata dalla sensazione che il tempo si sia fermato e dal fatto che il soggetto esce da se stesso per entrare in uno stato di coscienza particolarmente alterato.

L’impulso a giocare del gambler acquista un andamento progressivo e, a questo ritmo, il senso di colpa si nasconde dietro le razionalizzazioni, i ragionamenti apparentemente veri e ingannevoli. L’autoinganno si verbalizza in svariate forme: “Giocherò solo fino a tale ora e a tale momento”; “Dato che sto vincendo, devo continuare…devo approfittare della fortuna”; “Ora che sto perdendo non devo smettere…devo rifarmi”; “Non giocherò più”.

Quante volte ho sentito queste frasi e quante volte ho visto gente "ricascarci" :wub:

L'articolo, se di articolo si può chiamare, continua ancora, ma non voglio copiare tutto perché verrebbe fuori un post lungo kilometri! Basta cercare Gambler o Gamblin su google e la maggior parte delle pagine parlano più o meno di quello che ho appena copiato!

Io posso dire di non essere a quei livelli e spero di non arrivarci, dovessi accorgermi che la cosa sta per andare oltre, mollerei tutto, subito e mi darei al lavoro a maglia <_<

Edited by Stregatta
Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

"gambler" in inglese significa giocatore d'azzardo. generalmente negli Stati Uniti con questo termine veniva identificato il giocatore di poker professionista, in seguito il termine si è esteso ad indicare qualsiasi genere di giocatore o scommettitore.

ti riporto il testo di una canzone di Kenny Rogers, famosissimo folk-singer statunitense:

"the gambler" (il giocatore)

In una calda sera d'estate su un treno diretto a Nessundove

Incontrai il giocatore; eravamo tutt'e due troppo stanchi per dormire,

così guardammo fuori dal finestrino dritto nell'oscurità,

finché la noia non ebbe il sopravvento e allora lui iniziò a parlare.

Mi disse: "Figliolo, mi son guadagnato la vita leggendo le facce della gente

e indovinando le loro carte solo gudicando il loro sguardo.

E così, se non hai nulla in contrario, posso dirti che a te mancano gli assi.

Se mi offri un sorso del tuo whiskey, ti darò qualche consiglio."

Così gli porsi la mia bottiglia e lui bevve fino all'ultimo goccio.

Poi si arrotolò una sigaretta e mi chiese del fuoco.

E la notte divenne mortalmente tranquilla e il suo volto perse ogni espressione.

Disse: "Se vorrai partecipare al gioco, ragazzo, devi imparare a giocare bene.

Devi imparare quando nascondere le carte, quando aprirle a ventaglio,

Imparare quando ritirarti e quando correre via.

Mentre sei al tavolo non contare mai il tuo denaro.

Ci sarà tempo a sufficienza per contarlo quando i giochi saranno già fatti.

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

Il giocatore dipendente (gambler) è un appassionato al gioco che ha perso il controllo del suo impulso al gioco, per cui la sua passione volontaria si è trasformata in una necessità irrefrenabile.

questa è una fesseria clamorosa. gambler vuol dire giocatore, punto.

La dipendenza dal gioco è l’unica dipendenza legale senza uso di droghe riconosciuta ufficialmente dalla psichiatria americana come un’alterazione psichica originata dal disturbo del controllo degli impulsi.

e i milioni di persone che soffrono di attivazioni maniacali? e la dipendenza dal sesso? e la bulimia? e quella dai videogames? e la videodipendenza?

ma chi le scrive ste cazzate??

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

a me piace giocare e penso piaccia a quasi tutti. quando mi attacco al casino online per un'ora buona non riesco a staccarmi, poi mi stanco, chiudo e faccio altro. ma se mi attacco a un videogioco che mi piace non c'è verso... rischio di rimanerci attaccato anche 4 o 5 ore, se non di più. eppure ci gioco raramente ai videogiochi...

cosa ne devo dedurre secondo gli psichiatri? che ho due dipendenze? che sono compulsivo in tutto quello che faccio? mentre gioco al casino guardo la tv, gioco con i gatti, mangio, bevo, insomma faccio altro... quando gioco al videogame esiste solo il gioco, mi immergo nel personaggio, provo sensazioni che non sono le mie. cosa è più pericoloso secondo te?

il gioco dà una sensazione vera, l'aspettativa di una vincita, il risultato di un ragionamento. i videogiochi e la tv danno solo illusioni. vedrai che quando metteranno gli spot pubblicitari tra una spinnata e l'altra, nessuno parlerà mai più di "dipendenza da gioco"...

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

a me piacerebbe proprio sapere quanto mercato i casino online hanno portato via alle grandi lobby dei videogames. secondo me parecchio. e se società come la Sega han cercato di introdursi nel mondo dei casino online non è per niente. senza tener conto del fatto che alcune software houses beneficiano dei diritti d'autore anche nell'ambito dei casino online (vedi slot "Tomb Raider" per esempio...).

Link to post
Share on other sites

Belfahgor, io ti capisco perfettamente e capisco anche quello che vuoi dire...

Postando prima quell'articolo, non volevo mica dar ragione a chi dice (o vuol far intendere) che NOI siamo dei "malati" di gioco d'azzardo, di casinò. Ci piace giocare, come ad altri piace giocare ai videogiochi ecc. come dici tu, giustamente!

Io pure mi "attacco" al casinò per una o due orette, ma nel frattempo fra una spinnata e l'altra, faccio anche altro! Sono un'operatrice in Mirc in un chan di giochi e devo attivarli questi giochi, ma se non c'è molta gente o c'è ma si sta facendo gli affari propri, ne approfitto e apro un casinò e gioco, ma un'occhiata al chan la do sempre, un'occhiata ai miei figli, a facebook, una alle mie gatte! Questo per farti capire che sono come te e credo che tutti qui bene o male siano così!

La verità però purtroppo, rimane sempre la stessa, cioè che siamo comunque visti male e c'è poco da dire!

quando gioco al videogame esiste solo il gioco, mi immergo nel personaggio, provo sensazioni che non sono le mie. cosa è più pericoloso secondo te?

So perfettamente quanto può essere "pericoloso" anche un videogioco e sono d'accordissimo con te! Mio figlio pure ci gioca, ma sono sempre dietro a spronarlo ad uscire, a vedere gli amici fuori, altrimenti starebbe lì attaccato ore e ore! Così a me non piace, non voglio che ne diventi dipendente! Ho conosciuto il figlio di un amico che per quanto stava attaccato ai videogiochi si è rincitrullito, non ha amici e la ragazza l'ha addirittura trovata in internet! :ciao:

il gioco dà una sensazione vera, l'aspettativa di una vincita, il risultato di un ragionamento. i videogiochi e la tv danno solo illusioni. vedrai che quando metteranno gli spot pubblicitari tra una spinnata e l'altra, nessuno parlerà mai più di "dipendenza da gioco"...

Io spero che la pubblicità non arrivi anche lì invece, già è stressante in tv... <_<

Link to post
Share on other sites

penso che ognuno viva il gioco secondo il proprio modo di essere. alcuni lo considerano un vizio, altri una droga, altri una rendita, altri (come me) solo un gioco.

per me il casino online è nè più nè meno che un videogioco. entro nella partita con 10 gettoni, se perdo amen, se vinco passo al livello successivo ed aumento le giocate e così via, sino a che perdo tutto, o mi stanco, o raggiungo l'ultimo livello e concludo il gioco. l'ultimo livello ovviamente lo decido prima di iniziare il gioco.

daccordissimo, tutto và preso per quello che è un gioco, può andare bene come può andare male, mai cercare di rifarsi, grave errore, a fine mese si fà la " pesa " tra quello che si è perso e quello che si è vinto.

è retaggio dei tempi andati considerare i giocatori di casinò dei " dilapidatori di patrimoni " quando non esistevano altri tipi di giochi ( lotto a parte ) oggi non è più così ma la nomea è rimasta tale , ci si rovina in molti modi non solo con i casinò

felicità

I meccanici, i carrozieri, i giudici, i comuni che usano gli autovelox per fare cassa(andando contro la legge perché non va usato in questo modo), i notai questi sono alcune delle vere cause della rovina della gente ma tutti tacciono mentre sela prendono coi casinò per rompere i coglioni al popolo! MAledetti benpensanti, io li massacrerei tutti

Link to post
Share on other sites
I meccanici, i carrozieri, i giudici, i comuni che usano gli autovelox per fare cassa(andando contro la legge perché non va usato in questo modo), i notai questi sono alcune delle vere cause della rovina della gente ma tutti tacciono mentre sela prendono coi casinò per rompere i coglioni al popolo! MAledetti benpensanti, io li massacrerei tutti

La lista è molto, mooolto più lunga! <_<

Link to post
Share on other sites

però bisogna dire che con l'avvento del poker online e la massiccia pubblicità che ne consegue si sta pian piano mettendo in luce la figura del gambler professionista.

basta che ti vedano una volta in un torneo alla tv e quando tua figlia dirà "il mio papà è un giocatore di poker professionista!" avrai l'ammirazione di tutti.

mmm.. il gambler professionista è una cosa che hanno sempre cercato di far passare in sordina, perché quegli stonzi del governo vorrebbero ch si guadagnasse soldi solo cl duro lavoro che dcono loro <_<

Link to post
Share on other sites
Guest Belfahgor

un esperto di statistica per i table games, un esperto conoscitore di slots, un esperto nel betting sportivo. basterebbero tre persone per formare una società.

i clienti pagano una quota fissa ed hanno diritto ad un dividendo sugli utili conseguiti dal lavoro dei gamblers, dedotta una percentuale che spetta al banco. garantita la restituzione del 20% del capitale versato in caso di perdita.

50 clienti a 100 euro sono 5000 euro.

io 100 euro li butterei...

e mi sa che qualcosa del genere prima o poi la faranno.

anzi, mi fa strano che non ci sia ancora il betting sui giocatori di poker professionisti.

ovviamente l'osservazione sorge spontanea: non sappiamo quanto effettivamente guadagnano con i 5000 iniziali. ma a quel punto si aprirebbe una "gara" tra gamblers che avrebbero tutto l'interesse nel dichiarare più vincite possibili per attirare nuovi clienti.

Link to post
Share on other sites

vi ricordate quando il panzone costanzo nel suo costanzoshow ospitava giocatori anonimi che si erano a loro dire rovinati ai videopoker?

vi ricordate come erano presenti in sala fior di psicologi,psichiatri,presidenti e segretari di associazioni di giocatori anonimi etc.?

per molte puntate se ne parlò e si fece tanto terrorismo psicologico e tutto questo perché i videopoker erano in mano al privato e non allo stato,poi si trovò il modo di legalizzare il settore facendo dismettere tutti i videopoker e promuovendo le slot da bar che a loro dire erano molto più sicure e non rovinavano nessuno e intanto le vincite massime arrivavano a 50 euro allora e chi se ne fregava se un giocatore ci metteva dentro 1000 euro,vergognoso; hanno trovato il modo di tassare il noleggiatore obbligandolo ad acquistare le slot che dicono loro,a fargliele dismettere quando non vanno più bene,a fargli pagare le tasse anche quando le entrate non ci sono(e di casi ce ne sono parecchi fidatevi),insomma hanno fatto quello che hanno voluto,il giocatore ha continuato a giocare e rovinarsi(chi lo ha voluto)allo stesso modo,il ministro di cui non ricordo il nome ha fatto i soldi perché era proprietario di una società che produceva e acquistava dalla spagna le slot e il senza collo costanzo non ha mai più invitato nessun giocatore anomimo nelle sue trasmissioni e nemmeno ovviamente la schiera di dottoroni e presidenti che prima era sempre presente,questo è il vero schifo,la disinformazione a discapito delle persone.

Edited by sognatore
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...