conto gioco


Recommended Posts

Un buon libro, la meditazione, la preghiera, ginnastica, qualche telefonata ai parenti, il cous cous. Al limite, quella cosa da falegnami, di cui su due piedi non mi viene il nome; ma non più di due volte al giorno.

Edited by Satori
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

56 minuti fa, plisskin ha scritto:

😁😁😁 daiii, non ce possibilita'  non ce' un sito non aams dove posso giocare?
Uso skrill e non mi vuole nessuno!! ahahah! 
Grazie comunque 

Seriamente , se mi riesce. Prenditi una vacanza dal più implacabile dei tiranni, te stesso, o, meglio, quel che sei abituato a credere che sia. Se hai figli piccoli, gioca con loro;, se sono grandi, abbracciali e parla con loro; se hai genitori vivi inginocchiati davanti a loro, e ringraziali; esci di casa e parla coi gatti, con le lumache, alza gli occhi e perditi a rincorrere le nuvole. Stasera sorge, sul tardi, l'ultimo quarto di Luna, nessun artista mai esistito è stato capace di raffigurare un simile spettacolo, e tu ce l'hai gratis.

Torna bambino. Tutto qui.

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, Satori ha scritto:

Seriamente , se mi riesce. Prenditi una vacanza dal più implacabile dei tiranni, te stesso, o, meglio, quel che sei abituato a credere che sia. Se hai figli piccoli, gioca con loro;, se sono grandi, abbracciali e parla con loro; se hai genitori vivi inginocchiati davanti a loro, e ringraziali; esci di casa e parla coi gatti, con le lumache, alza gli occhi e perditi a rincorrere le nuvole. Stasera sorge, sul tardi, l'ultimo quarto di Luna, nessun artista mai esistito è stato capace di raffigurare un simile spettacolo, e tu ce l'hai gratis.

Torna bambino. Tutto qui.

Bellissimo

Link to comment
Share on other sites

Vi ringrazio.

Nulla di mio, di nostro. Nulla, la nostra povertà è abissale. Abbiamo trovato il dizionario già fatto. La logica che collega e dà senso ai termini del dizionario ci precede. Siamo noi a respirare o siamo respirati? Pensiamo o siamo pensati? Il terreno che regge i nostri passi è nostro? E questa pietas, questa che anima le righe che ho scritto, e che ha fatto commentare alcuni “bellissimo”, possiamo dirla nostra? Cari amici, no! Nell’istante in cui la dovessimo dire nostra, la perderemmo. C’è, ma non sappiamo da dove viene; sentiamo – in qualche modo ed oscuramente – che sgorga da una profondità talmente remota, che va oltre le nostre stanche vite messe in filastrocca, dal tempo prima di noi, alle nostre spalle. La pietas che, letteralmente, è sacra, nel significato pre-filatrocca di non negoziabile, indisponibile al mercato, non corruttibile, perché non raggiungibile dall’usura implacabile del tempo.

Non ha senso chiedersi da dove viene un tale incommensurabile tesoro. La pietas ci porta alla bellezza, perché è Vera, e la bellezza e lo splendore del Vero. Per questo è irresistibile.

Non viene da nessuna parte, perché non c’è alcun “dove” ove la pietas non sia. Essa è la natura profonda del mondo e di noi stessi, nell’ORA di sempre.

Chiudo qui, con uno degli aforismi più vertiginosi che ricordi. Fu fatta al Maestro (siamo in Cina, quando il tempo non era segnato dagli orologi) una domanda, e questi ripose:

Vorresti chiedere da dove vengono i fiori; ma neppure il dio della Primavera lo sa”.  

   

Edited by Satori
Link to comment
Share on other sites

E' risaputo che i fiori vengono dai fioretti , se sono dedicati alla  " Madonna primavera  " valgono di più.

felicità

Link to comment
Share on other sites

prima che mi dimentichi:   l'amico Nero  wolf mi ha chiesto di mettere questo annuncio " lupo vizioso cerca pelo anche usato "

felicità ( mi sa che la tisana conteneva qualcosa di strano , aveva un sapore un po'...un po' tipo il singhiozzo di pesce )

felicità

Edited by emgus
Link to comment
Share on other sites

54 minuti fa, Satori ha scritto:

Nulla di mio, di nostro. Nulla, la nostra povertà è abissale. Abbiamo trovato il dizionario già fatto. La logica che collega e dà senso ai termini del dizionario ci precede.

Ciao Satori,

è sempre un piacere leggerti..........però la tua consapevolezza contraddice sostanzialmente le tue affermazioni (citate) e lascia così una speranza all'uomo.

Ricordo una tua intuizione......i miei gatti continuano a saperne di più........due citazioni che dovrebbero farti piacere.

"Amate gli animali: Dio ha donato loro i rudimenti del pensiero e una gioia inperturbata.  Non siate voi a turbarla, non li maltrattate, non privateli della lora gioia, non contrastate il pensiero divino."

"La sofferenza, il dolore sono l'inevitabile dovere di una coscienza generosa e d'un cuore profondo. Gli uomini veramente grandi, credo, debbono provare su questa terra una grande tristezza""
 
F.M.D.
 
Alla prossima, Raf
Edited by Rafelnikov
Link to comment
Share on other sites

Ecco Rafelnikov, ed è sempre un grande piacere.

Con le mie contraddizioni potrei avviare una ditta di esportazioni, caro Rafelnikov; né mi consola condividere, in questo, la stessa sorte di Paolo di Tarso, o del nostro amato Dostoevskij, che tu citi.

Ma queste riguardano, massimamente, la sfera del fare, e le debolezze di creatura. Non per nulla, ho esortato Plisskin ha scegliere la compagnia di gatti e lumache, e non la mia.

Quanto all'uomo per l'uomo,  o in quanto tale, ossia reciso dalla propria radice transpersonale (l'uomo moderno), il mio pessimismo, che poi è mero realismo, seguita a essere radicale. Si estinguerà, e non lascerà dietro di sé né memorie, né cenere. E sarà un bene, perché le memorie sarebbero sconsacrate, e la cenere tossica.

Senza contraddizione alcuna.

 

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, Satori ha scritto:

Ecco Rafelnikov, ed è sempre un grande piacere.

Con le mie contraddizioni potrei avviare una ditta di esportazioni, caro Rafelnikov; né mi consola condividere, in questo, la stessa sorte di Paolo di Tarso, o del nostro amato Dostoevskij, che tu citi.

Ma queste riguardano, massimamente, la sfera del fare, e le debolezze di creatura. Non per nulla, ho esortato Plisskin ha scegliere la compagnia di gatti e lumache, e non la mia.

Quanto all'uomo per l'uomo,  o in quanto tale, ossia reciso dalla propria radice transpersonale (l'uomo moderno), il mio pessimismo, che poi è mero realismo, seguita a essere radicale. Si estinguerà, e non lascerà dietro di sé né memorie, né cenere. E sarà un bene, perché le memorie sarebbero sconsacrate, e la cenere tossica.

Senza contraddizione alcuna.

 

Satori, il piacere è mio............anzi riesci a distogliermi dalla mia volontà di non scrivere sui forum.

Non posso non condividere il tuo profondo pessimismo, o mero realismo come scrivi, però continuo a credere che persone come te lasciano una speranza all'uomo inteso come creatura universale.

Sono sempre rimasto colpito dall'emergenza di qualcosa dal nulla, come una verità emerge da una profonda ignoranza oppure un'energia emerge statisticamente dal nulla. Nei momenti più difficili, ad esempio, emergono azioni eroiche che colpiscono anche persone insensibili alla pietas a cui ti riferivi in precedenza e paiono chiare ed intellegibili ad un numero notevole di persone, con mio marcato stupore. Forse anche noi, creature comunque di questo mondo, abbiamo qualche riflesso di una verità trascendentale. E di opere umane a tal guisa ne abbiamo e, anche se fossero solo una scoperta, resta mirabile la capacità finalizzata di trovarle.

Scusami ma continuo a collezionare domande senza risposte...........molto più semplice vincere al gioco.....😀🤣

Alla prossima, Raf

 

Edited by Rafelnikov
Link to comment
Share on other sites

Caro Rafelnikov, qui abbiamo abusato del buon Plisskin, che, poverino, aprendo una  discussione per cercare sollievo alla noia di questa carcerazione collettiva, si è trovato sballottato tra Dostoevskij, Chuang – Tzu, Paolo Di Tarso, e magari, conoscendoti, poco poco viene fuori l’entanglement quantistico. Gli chiedo scusa, e lo lascio alla sua missione nella distopica New York di Carpenter. Credo sia meglio risponderti sulla, oramai quinquennale discussione che, con alcuni ardimentosi, porto avanti nell’OT che tu credo conosca.

Ti aspetto lì, se ti va, tra un po’.

Link to comment
Share on other sites

Il 13/3/2020 alle 16:58 , Satori ha scritto:

Seriamente , se mi riesce. Prenditi una vacanza dal più implacabile dei tiranni, te stesso, o, meglio, quel che sei abituato a credere che sia. Se hai figli piccoli, gioca con loro;, se sono grandi, abbracciali e parla con loro; se hai genitori vivi inginocchiati davanti a loro, e ringraziali; esci di casa e parla coi gatti, con le lumache, alza gli occhi e perditi a rincorrere le nuvole. Stasera sorge, sul tardi, l'ultimo quarto di Luna, nessun artista mai esistito è stato capace di raffigurare un simile spettacolo, e tu ce l'hai gratis.

Torna bambino. Tutto qui.

Applausi vivissimi alla profondità d'animo dimostrata !!

Complimenti @Satori

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share