Io Sono Una Bestia


Satori
 Share

Recommended Posts

Anche io credo che non esista qualcuno che possa realmente andare in giro vestito così, anzi a dirla tutta non credo che si possa andare in giro vestiti in una qualunque delle assurdità che si sono viste sulle passerelle delle sfilate di moda di oggi e di sempre. Forse mi sbaglio, ma mi pare che i capi proposti negli anni passati non hanno mai precorso i tempi, e non sono mai finti nelle vetrine dei negozi di abbigliamento, quindi a che servono 'ste sfilate?  è uno dei tanti misteri che non capirò mai..

Link to comment
Share on other sites

Caro Dstrange,

non potresti immaginare che tristezza mi ha procurato la tua risposta, perché viene da una persona di cui ho avuto modo di apprezzare l'intelligenza e la sensibilità. Mi rendo conto, con sconforto, appunto, che l'opera di distruzione è arrivata oltre ciò che pensavo possibile. Ti starai chiedendo di che parlo, che posso dirti?, mi viene persino difficile spiegarmi, tanto la cosa mi appare incredibile. Ci provo, ma il solo fatto che debba spiegarlo, mi rende quasi certo che servirà a poco. Insomma, si tratta di questo: la nostra è la prima e sola società della Storia conosciuta che ha perso totalmente la nozione e il sentire della sacralità della figura umana. L'essere umano, nella sua sostanza e anche nella sua forma era considerato un'epitome del cosmo, cosa simboleggiata in modo forse insuperabile nel Sigillo di Salomone. L'abito, cosa oggi del tutto inconcepibile, era parte integrante della ritualità sacrale che scandiva il tempo e lo spazio degli uomini non-moderni (così è ancora in certe enclave asiatiche).

Fenomeni come quelli mostrati nella foto non nascono dal nulla, non sono semplici bizzarrie; la moda, con una perfetta inversione dell'ordine naturale, ha assunto oggi un'autorità didattica prima riservata alle elites sacerdotali.

Se poi si pensa al diavolo come a una bestiaccia sulfurea, col piede caprino, le corna, e tutto l'armamentario hollywoodiano, siamo su una falsa pista. Se ti interessa, prova a leggere "Il racconto dell'Anticristo" di Vladimir Soloviev http://www.tempi.it/anticristo-persona-perbene-lezione-inascoltata-solovev-biff

scritto oltre un secolo fa, ecco come viene decritto:

"...convinto spiritualista», un ammirevole filantropo, un pacifista impegnato e solerte, un vegetariano osservante, un animalista determinato e attivo.

...Sarà, tra l’altro, anche un esperto esegeta: la sua cultura biblica gli propizierà addirittura una laurea «honoris causa» della facoltà di Tubinga. Soprattutto, si dimostrerà un eccellente ecumenista, capace di dialogare «con parole piene di dolcezza, saggezza ed eloquenza».

Se pensi al diavolo dei film, siamo del tutto fuori strada.
 
Edited by Satori
Link to comment
Share on other sites

Ho trovato spesso spunti interessanti dal blog di Franceschetti (conosciuto grazie a tonino). Questa è la presentazione del suo libro sulle religioni:

"Oppio dei popoli? Sì, quando la religione “perde l’anima” e si trasforma in struttura di potere basata su oscuri dogmi. Ma se si indaga su Buddha, Cristo e Maometto, sull’Ebraismo e sull’Induismo, si scopre che il messaggio fondamentale – la potenza assoluta della dimensione spirituale – è stato regolarmente neutralizzato e rimosso, specie in Occidente, perché mette in crisi il nostro sistema basato sul dominio: «Un individuo che vive la sua spiritualità è più libero dalle paure, quindi meno controllabile: ecco perché la spiritualità è stata così accanitamente combattuta, anche attraverso le stesse burocrazie religiose»..."


 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, jackjoliet dice:

Ho trovato spesso spunti interessanti dal blog di Franceschetti (conosciuto grazie a tonino). Questa è la presentazione del suo libro sulle religioni:

"Oppio dei popoli? Sì, quando la religione “perde l’anima” e si trasforma in struttura di potere basata su oscuri dogmi. Ma se si indaga su Buddha, Cristo e Maometto, sull’Ebraismo e sull’Induismo, si scopre che il messaggio fondamentale – la potenza assoluta della dimensione spirituale – è stato regolarmente neutralizzato e rimosso, specie in Occidente, perché mette in crisi il nostro sistema basato sul dominio: «Un individuo che vive la sua spiritualità è più libero dalle paure, quindi meno controllabile: ecco perché la spiritualità è stata così accanitamente combattuta, anche attraverso le stesse burocrazie religiose»..."


 

Con qualche distinguo, avrei potuto scrivere le stesse cose. In ogni caso, la trasformazione della Sophia in strumento di dominio non è tipico dei soli monoteismi, vale sempre e dovunque. Accade questo: già alla morte del Fondatore, il "messaggio fondamentale" comincia ad essere adulterato. E' semplicemente la logica di questo mondo.

Link to comment
Share on other sites

Il 10/7/2017 at 17:01, Satori dice:

Caro Dstrange,

non potresti immaginare che tristezza mi ha procurato la tua risposta, perché viene da una persona di cui ho avuto modo di apprezzare l'intelligenza e la sensibilità. Mi rendo conto, con sconforto, appunto, che l'opera di distruzione è arrivata oltre ciò che pensavo possibile. Ti starai chiedendo di che parlo, che posso dirti?, mi viene persino difficile spiegarmi, tanto la cosa mi appare incredibile. Ci provo, ma il solo fatto che debba spiegarlo, mi rende quasi certo che servirà a poco. Insomma, si tratta di questo: la nostra è la prima e sola società della Storia conosciuta che ha perso totalmente la nozione e il sentire della sacralità della figura umana. L'essere umano, nella sua sostanza e anche nella sua forma era considerato un'epitome del cosmo, cosa simboleggiata in modo forse insuperabile nel Sigillo di Salomone. L'abito, cosa oggi del tutto inconcepibile, era parte integrante della ritualità sacrale che scandiva il tempo e lo spazio degli uomini non-moderni (così è ancora in certe enclave asiatiche).

Fenomeni come quelli mostrati nella foto non nascono dal nulla, non sono semplici bizzarrie; la moda, con una perfetta inversione dell'ordine naturale, ha assunto oggi un'autorità didattica prima riservata alle elites sacerdotali.

Se poi si pensa al diavolo come a una bestiaccia sulfurea, col piede caprino, le corna, e tutto l'armamentario hollywoodiano, siamo su una falsa pista. Se ti interessa, prova a leggere "Il racconto dell'Anticristo" di Vladimir Soloviev http://www.tempi.it/anticristo-persona-perbene-lezione-inascoltata-solovev-biff

scritto oltre un secolo fa, ecco come viene decritto:

"...convinto spiritualista», un ammirevole filantropo, un pacifista impegnato e solerte, un vegetariano osservante, un animalista determinato e attivo.

...Sarà, tra l’altro, anche un esperto esegeta: la sua cultura biblica gli propizierà addirittura una laurea «honoris causa» della facoltà di Tubinga. Soprattutto, si dimostrerà un eccellente ecumenista, capace di dialogare «con parole piene di dolcezza, saggezza ed eloquenza».

Se pensi al diavolo dei film, siamo del tutto fuori strada.
 

Carissimo Satori, come hai giustamente intuito in effetti mi sono chiesto da dove potesse arrivare la tua tristezza che è seguita alla risposta precedente. Ma siccome so' che sei molto avanti rispetto a me e probabilmente a molti di noi, ho letto attentamente il link che hai postato per capire o almeno intuire le cause la mia cecità, e nonostante l'intelligenza che mi attribuisci devo dire che sono in alto mare, infatti ancora non riesco ad associare la foto da te postata con una manifestazione dell'anticristo o del diavolo. Per come la vedo quest'ultima entità si manifesta in tanti modi, ad esempio tutte le volte che attecchiscono nel cuore dell'uomo quei sentimenti infimi quali orgoglio, superbia, invidia, gelosia che a loro volta generano malignita  e portano a scontri e anche a violenze verbali e fisiche. Ma anche tutte le volte che le cose terrene ci affascinano e ne bramiamio il possedimento ( il sistema è questo che ci spinge ad essere), li c'è una avanzata dell'anticristo, questo in linea di massima rappresenta per me il diavolo. Ora 

sicuramente il filosofo-teologo di cui si parla nell'articolo, Vladimir Solv' ev,  è stato un personaggio interessante a quanto pare, per ciò che ha presagito per il xx secolo con le ultime  grandi e sanguinarie guerre e la fine degli stati separati soppiantata da una un unica unione di stai uniti d'europa.

La profezia che interessa a noi in questo ambito è naturalmente quella che riguarda la crisi del Cristianesimo e conseguentemente l'avanzata dell'anticristo. E' vero. la società attuale ha perso completamente il senso e la sacralità della vita non si può negare questo. Ora, questa avanzata dell'anticristo sta avvenendo, in base a quello  che ho capito leggendo l'articolo, attraverso la graduale somministrazione di "inganni" ad opera di personaggi affascinanti che paiono buoni ma buoni non sono, paiono giusti ma giusti non sono, che pensiamo ci stiano istruendo ed emancipando ma ci stanno ingannando, ed allontanado dalla via della salvezza. Poi si fa cenno ad un personaggio che dice di amare ed apprezzare gli insegnamenti di Cristo ma non ammetterà mai la sua resurrezione, saremo sedotti da un musulmano?Vedremo. Fin qui comunque tutto condivisibile. 

Tornando alla foto. Come hai detto prima, porta a pensare che dietro ci sia qualcuno che odia davvero a morte gli uomini per ridurli in quello stato, ma proprio per questo e a maggior ragione questa foto per me rimane una provocazione. L'anticristo è astuto non è cosi palese.

P.S. ti ringrazio per gli apprezzamenti sulla mia persona, temo siano esagerati ;-)

Buona estate!!

Link to comment
Share on other sites

mi sorge  un dubbio:  siamo sicuri, considerando i piacevoli ed interessanti argomenti trattati in questo forum che questo sia un portale per " giocatori incalliti " ? 

 

felicità 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

@Dstrange,

caro Dstrange, l'intelligenza non viene misurata (se non una minima sezione di essa) dai cosidetti test, ed ha poco a che fare con la capacità di risovere sperticate equazioni. Essa ha piuttosto a che vedere con la capacità di vedere le cose per come sono; in tal senso è molto più probabile trovare intelligenza in un contadino, che in un "fine" intellettuale di Boston. Per semplificare: il fine intellettuale di Boston non troverebe nulla di strano nei sei umanoidi della foto; mentre ci scommetterei che l'impressione di costoro sul contadino (ove, naturalmente, non già catechizzato da qualche umano) potrebbe essere espressa, più o meno, dalle seguenti parole:

"Oh, mamma mia!!! Cos'è successo a questi disgraziati??"

Messo a conoscenza, poi, dell''indifferenza che i sei figuri suscitano nei molti, si chiederebbe, credo, cosa sia successo anche a  loro. Sarebbe difficile spiegargli che il fatto che la maggioranza, oggi, consideri al massimo quei sei "vagamente bizzarri", è il risultato di una sapiente opera di demolizione operata da chi ha consapevolezza dei fini e mezzi per raggiungerli (gli umani mondiali), allo scopo di anestetizzare prima e distruggere dopo il valore etico (e direi anche politico) dell'estetica. Io non potrei non chiedermi, ad esempio: come mai appena pochi decenni fa cose del genere erano impensabili? Come mai lo sono tutt'ora, in ogni posto del pianeta che non abbia subito la "cura" a cui sono state sottoposte (oramai) due generazioni di occidentali? E quindi, mi concentrerei sulla cura. In che consiste questa "cura"?

Non dovrebbe essere difficile trovare la risposta, e questa ti avvicinerà alla comprensione dell'aspetto satanico della faccenda.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Questo è un colpo da centro perfetto Mitico.........

Vige il "normarlizzare " quello che corrisponde ad una Bestemmia in senso etico

Abbracciare il male perché normale trovando le spiegazioni più  indegne

Guardate i modelli proposti dai Media nel senso in se..... sono orridi fanno passare la merda x oro

sia che vendono una saponetta , una macchina , di quel gruppo o quella lobbi , di quella versione strumentalizzata di giochini politici e teatrini ...di discorsi inascoltabili davanti a contabilità di stato  tragedie fenomeni e calamita naturali o terroristiche dove di fondo vige solo

l essenza del ipocrisia , la fuga dal saper riconoscere le propie  colpe e le propie responsabilità  ,espandere il proprio potere proprio con doti sataniche che al contrario del vecchio mondo dove il guerriero portava la verità della battaglia e della conquista ma anche del dolore dello scontro      .....NO loro   scusano ammortizzano, anestetizzano ipnotizzano, abbindolano,, corrompono ,convincono........ 

Alzano la loro logistica per creare una circonvenzione di incapaci a livello mondiale . 

Senza sporcarsi le mani dirigono il teatro e ti estinguono.....

Trattano la gente come dei perfetti coglioni .....con una forma studiata a priori

Scusate qualche termine non proprio da galateo ma penso che chi ha letto capisce che per dire certe cose......... certe parole  se fossero arrotondate .....sarebbe stato fatto con la lima del ipocrisia

 

Buona Scienza  Coscienza e  Buona Lotta nel vostro piccolo metro quotidiano.....

P:s: Siete veramente tosti  ..:)  vi stimo molto 

 

Enio:)

Edited by enio24
Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, emgus dice:

direi ... il " retto auspicio "

 

felicità 

Mi ci tiri per i capelli, Emgus:

in ogni caso, c'entra il retto.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Lo so, fa caldo.

Buona parte della condizione umana viene spiegata con una delle applicazioni del calcolo binario, ove acceso vuol dire sofferenza, spento vuol dire non sofferenza; è da qui che parte, ad esempio, il buddismo.

Torno al caldo; così persistente provoca sofferenza, e siccome si prevede che duri, voglio fare qualcosa per gli amici del forum (e anche per quelli cui so di stare sulle balle, sulle quali graverò ancor più dopo questo post), ed alleviare una parte di questa sofferenza.

Da consumato fetente, l'ho presa alla larga, per arrivare ad un video in cui si fronteggiano la giornalista, umanissimamente liberal (ed in verità sticchiosissima), Megyn Kelly, e Vladimir Putin.

Godetevelo tutto, perché è di una goduriosità celestiale; ma soprattutto mi preme segnalare due precisi passaggi:

il primo, dal t 1,05, al termine di una lunga ed articolata domanda della giornalista (domanda che, chi si occupa di comunicazione, certamente riconoscerà preparata nei minimi dettagli), al t. 1,12; dove si vede la sticchiona afflosciarsi, impappinarsi e balbettare.

L'altro, poco dopo, al t 1,47. Putin, con la faccia del gatto che è troppo superiore per ingioare il canarino, limitandosi a giocarci, dopo una pausa da Oscar, dice: "...io ho letto quei rapporti...". Bene, soffermatevi sull'espressione smarrita della sticchiosissima.

Certe cose, per me, sono meglio del sesso.

Per il resto, il video va avanti per oltre 13 minuti. Divertitevi e bestializzatevi.

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

http://www.maurizioblondet.it/sfuggire-dal-governo-zootecnico-mondiale/

Non sempre sono d'accordo con Blondet, e non di rado dissento dai commenti dei lettori del suo blog; ma questo articolo, a commento dell'ultimo libro del grande Marco Della Luna (Oltre l'agonia), è da incorniciare. Per me la risposta alla domanda oggetto dell'articolo "come sfuggire al governo zootecnico mondiale", trova parzialmente risposta nei post dell'utente Connectionrefused. A molti non piacerà una posizione tanto radicale, ma è la sola possibile. Agli allevatori va tolto l'ossigeno.

Per cominciare (ma solo come preaperitivo):

1, limitare allo strettissimo necessario l'uso dell'orrido feticcio (lo smartphone), e interdirne l'uso ai minori;

2, non guardare la TV e non pagare il canone;

3, ritirare il denaro dalle banche;

4, rifiutare l'euro come strumento di pagamento interno, e utilizzare solo monete locali (il Simec di Auriti), e, ove possibile, ricorrere al baratto. Prima di ridere, ci si chieda come mai pochi sanno che al baratto si deve il più grande miracolo economico della Storia. Tornare alla moneta nazionale, secondo la dottrina auritiana.

Quattro semplici punti, che cambierebbero le nostre vite e salverebbero dall'estinzione la nostra progenie.

Ma so che sto sognando.

 

Edited by Satori
Link to comment
Share on other sites

Gran bell'articolo  quello del link  che hai condiviso Satori , l'ho condiviso su fb  ma temo che non trattandosi di calcio, pochi ho leggeranno con attenzione.  Personalmente la percezione di sentirmi come in un allevamento la avevo da tempo e tutto ciò che accade  a livello di gestione delle masse converge in quello che dice Blondet nel suddetto articolo. Un esempio eloquente: quando si parla di pensioni nello stesso tempo si aggiunge che tutto è legato alle risorse, insomma come quando si vuol lanciare del cibo ad un animale ma poi non lo si lancia, questo segue la mano e rimane fermo in attesa, tutto deve rimanere incerto affinchè noi restiamo fermi , sembra che voglio migliorare la riforma fornero ma poi mancano 1 -2 miliardi e nel frattempo sono stati dati ben 5 miliardi per salvare il montepaschi come se nulla fosse.  Ma il popolo ' troppo impegnato a seguire le vicende del pallone per accorgersi  di come viene preso in giro. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Il 29/8/2017 at 16:35, Satori dice:

Per me la risposta alla domanda oggetto dell'articolo "come sfuggire al governo zootecnico mondiale", trova parzialmente risposta nei post dell'utente Connectionrefused.

 

 

Ma ti riferisci a questa?
"La soluzione, coraggiosa, viene suggerita nel vangelo per bocca di Gesù. “Lascia tutto e seguimi”. Staccarsi. Non lavorare, non consumare, non fare un ca**o"

 

Ben tornati dalle vacanze, amici del forum!
:)

Link to comment
Share on other sites

Il 3/9/2017 at 14:21, jackjoliet dice:

 

Ma ti riferisci a questa?
"La soluzione, coraggiosa, viene suggerita nel vangelo per bocca di Gesù. “Lascia tutto e seguimi”. Staccarsi. Non lavorare, non consumare, non fare un ca**o"

 

Ben tornati dalle vacanze, amici del forum!
:)

Non fare un ca**o, purtroppo, non vuol dire oziare, magari!! L'ozio (quello vero) è uno dei peggiori nemici del sistema, perché libera la mente dall'attività meccanica e compulsiva. L'ozio è l'anticamera della quiete, che è la soglia della meditazione/preghiera/contemplazione. Tutto ciò è la negazione del regime manicomiale che è riuscito a trasformare almeno due miliardi di persone in animali da armento.

Fra l'altro, l'ozio è perfettamente compatibile con qualsiasi attività umana, ed anzi è la condizione per cui l'azione non degeneri in agitazione, e si faccia creatrice di caos. Ossia disordine, che è il brodo di coltura dell'alienazione, della disperazione, del dolore.

Per cui, la soluzione, il cui presupposto è una vera presa di coscienza e compresione delle cause, consiste semplicemente in un reale ripudio dei (pseudo) valori del sistema. Ma ciò non sarà mai possibile se non si è capaci di scarnificare la propria mente e capire fino a che punto è stata manipolata e condizionata.

Buon lavoro.

Edited by Satori
Link to comment
Share on other sites

Tra bestie (quanto segue è un copia/incolla da internet; chi avesse voglia di approfondire può aprire il link allegato):

• Se una donna innamorata non si dichiara è astuta; se un uomo innamorato non si dichiara è un vigliacco
• Se una donna divorziata si rifà una vita ha una buona capacità di recupero; un uomo è debole e non sa vivere da solo
• Se una donna divorziata resta sola è forte e affronta la vita in solitudine; un uomo non è riuscito a riprendersi
• Se una donna tradisce spesso ha il gusto del sesso; un uomo è debole, depravato e mascalzone
• Se una donna tradisce è per chissà quali motivazioni sublimi, magari perché è sessualmente insoddisfatta (così è pure colpa del partner, cornuto e mazziato…); se un uomo tradisce è perché è un porco (gli uomini sarebbero sempre sessualmente soddisfatti…)
• Se una donna si arrabbia perché tradita è offesa nella sua dignità personale; un uomo è ferito nel suo orgoglio di maschio (ben pochi uomini saprebbero definire in cosa consista questo presunto orgoglio “maschile”. Che sia un’invenzione femminile?)
• Se una donna è sessualmente insoddisfatta è colpa del partner (gli uomini sono sempre colpevoli); se un uomo è sessualmente insoddisfatto ha qualcosa che non gli funziona (le donne sono sempre innocenti)
• Se una donna guarda un uomo con desiderio se lo mangia con gli occhi; se un uomo guarda una donna con desiderio la “spoglia” con gli occhi (gli uomini fanno i “guardarobisti”?)
• Se una donna non fa bene il sesso è per l’inesperienza del partner; se un uomo non fa bene il sesso è per la “propria” inesperienza
• Se una donna vuole fare sempre sesso è una donna calda e passionale; se un uomo vuole fare sempre sesso è un arrapato cronico
• Se una donna ha uno scarso appetito sessuale è perché il desiderio femminile va nutrito e stimolato; se un uomo ha uno scarso appetito sessuale è freddo di chiamata e mezzo impotente
• Se una donna vuole passare subito all’atto sessuale ha un desiderio prorompente; se un uomo vuol passare subito all’atto sessuale è frettoloso e disattento
• Se una donna guarda gli uomini è perché ha il gusto verso il bello; se un uomo guarda le donne è un guardone
• Se una donna fa sesso in modo convulso è passionale; un uomo è un imbranato
• Se una donna ama i giochi erotici ha un erotismo complesso, se un uomo ama i giochi erotici è perché ha una sessualità primitiva o, peggio, infantile
• Se una donna ama il sesso orale è perché ha una sessualità intensa; un uomo è un fissato
• Se una donna (e questo è il pezzo forte, tenetevi!) ha difficoltà a eccitarsi è sessualmente demotivata; un uomo fa cilecca o ha “disfunzioni erettili” (sempre il concetto macchinistico della sessualità maschile!)
• Se una donna ha l’eccitazione lenta è perché va “scaldata” lentamente (il sesso è una partita di calcio…); se un uomo ha l’eccitazione lenta è “moscio” e ha bisogno del viagra (l’uomo deve sempre “funzionare” come si “deve”…)
• Se una donna ha difficoltà orgasmiche si parla di anorgasmia; se un uomo ha lo stesso problema si parla di “incompetenza” eiaculatoria (per eiaculare bisogna fare un master?)
• Se una donna viene dopo due secondi dall’inizio del rapporto (non è affatto impossibile, anzi…) è perché ha una sessualità impetuosa; gli uomini hanno l’eiaculazione precoce
• Una donna che si masturba scopre il suo piacere e il suo corpo e arricchisce la sua sessualità; un uomo è un segaiolo frustrato
• Una donna va accettata come è; un uomo deve cambiare per amore.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Dal link

http://giubizza.blogspot.it/2007/05/lera-del-figocentrismo.html

Link to comment
Share on other sites

Ciao , ben ritrovati Amici  :) 

Bisogna stare attenti a difendersi dal serpente femminista che cerca sempre di insinuarsi con varie subdole retoriche in tutte le cavita e  orifizi   che trova con fare satanico ;)

Ci vuole anche li delucidazioni al popolo... promemoria ...     c era una guerra nel 69 le femministe l hanno continuata a tutt oggi  e la loro tecnica  di base e la presa per il c..o  e l infiltrazione mediatica e la normalizzazione del blasfemo

Strumentalizzano il vittimismo in ogni forma  fateci caso i TG a chi stanno Parlando ?  Sono rivolti a dei bambini ?

Voci afone attenzioni e distrazioni su cagate e concetti  da Prima Elementare ..........10 emitenti principali tutte identiche e con

 lo stesso indottrinamento   da 4 soldi  fatto da personaggi  da 2 soldi improvvisata li in qualche modo

:)

 

Edited by enio24
Link to comment
Share on other sites

Sempre più donne vanno comprendendo che il femminismo è stato e continua ad essere il loro peggiore nemico. Per limitarmi ad una sola questione, vorrei chiedere alle folle sterminate di fanciulle che seguono questa discussione, se hanno mai considerato quanto segue.

La cosiddetta "liberazione" della donna ha avuto il suo critico punto di svolta con l'accesso della medesima al mercato del lavoro.

Prima considerazione: ma perché, stando in famiglia ad allevare bambini, accudire gli anziani, gestire da capo a fondo l'economia domestica, la donna non aveva già un lavoro? Quale sia il costo e il valore di tale lavoro lo si è visto quasi subito, dato che i bambini, gli anziani, gli ammalati, hanno dovuto trovare altri soggetti da cui essere seguiti. Tutti soggetti da retribuire e che non avevano neppure la centesima parte dell'amorevolezza di una tanto disprezzata "donna di casa".

Seconda considerazione: quali sono le ricadute sociali (più immediate) dell'uscita della donna dal focolare domestico e la sua entrata nel mercato lavorativo?

1° si crea un nuovo soggetto di imposizione fiscale che prima non esisteva. Capito? Chi controlla l’apparato statale ha una nuova gallina da spennare.

2°, si crea al contempo un nuovo consumatore, cui destinare prodotti prima inesistenti. Ma scusate, se questi prodotti prima non esistevano, e ciò nondimeno la specie ha sopravvissuto lo stesso, non vuol dire che questi prodotti sono del tutto inutili, e servono solo a soddisfare bisogni fittizi, artificiali, indotti al solo scopo di alimentare il circuito del consumo fine a se stesso?

3°, si assesta un colpo mortale alla cellula base della società, la famiglia, che si è sempre retta sulla figura femminile. Si sappia, visto che di questo si evita accuratamente di parlare tra le persone dotte, che il primo e più saldo anello per la trasmissione del sapere alle nuove generazioni è sempre stata la donna, almeno fino a quando non è stata espiantata dal focolare e mandata a “realizzarsi” in fabbrica o negli uffici (posti in cui, come tutti sanno ci si realizza, ossia si diventa reali; mentre chi non fa cose del genere, rimane irreale a vita).

Insomma, a due anni i bambini vengono affidati ad estranei, i quali, a pagamento, cominciano l’indottrinamento che ha portato tante poverette a credere che essendo proprietarie di una gnocca l’universo deve piegarsi sgomento a atterrito innanzi a una cotale maestà.

E questa non è che una piccolissima parte del totale.

 

P.s.

Chissà come ci rimarrebbero le proprietarie se sapessero che il movimento femminsista americano fu finanziato da una tale che di cognome fa Rockefeller? Ecco, dove c'è casino trovi sempre loro!

Edited by Satori
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Non è tanto la demenziale follia di questi deviati, che colpisce. Si sa da sempre che pozzo nero può essere la mente di taluno ( i c-a-z-z-i amari piovono sulle nostre teste, tuttavia, perché oggi comandano loro, su tutto e ovunque). Quello che mi lascia sgomento è che costoro, ad una prossima consultazione politica, avranno ancora la maggioranza. Ecco, questo, per me, è come guardare dentro un abisso senza fondo.

Per intanto, davanti alla libertà di stupro politicamente corretto, le femministe, che ruggiscono se solo un non africano osa guardare un culo di femmina (quelli dei maschi sono il radioso futuro/già/presente, mirabili e utilizzabili a volontà), tacciono, d'un silenzio profondo, impenetrabile. Tacciono, le ruggenti.

Stupro libero per gli africani.jpg

Edited by Satori
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share